Europa sempre più simile al Giappone, ecco l’opinione di ING

La crescita economica debole e l’attuale inflazione nell’area dell’euro sono elementi che stanno “giapponesizzando” l’Europa: una situazione dalla quale potrebbe poi essere difficile uscire, afferma il gruppo ING in una nota.

Nel dossier della banca olandese si ricorda come la situazione dell’Europa abbia lasciato da tempo aperto il confronto con il Giappone degli anni ’90, e le somiglianze sono davvero numerose: si pensi all’aumento del debito pubblico, a un accumulo di crediti inesigibili presso le banche, all’invecchiamento della popolazione e all’enorme allentamento della politica monetaria.

Ma come uscirne? La banca europea sottolinea che sebbene la risposta politica del Giappone alla sua crisi sia stata lenta, il Giappone è altresì stato vittima di un cattivo tempismo. La crisi finanziaria asiatica del 1997-98, lo scoppio della bolla dot-com e, successivamente, la crisi finanziaria globale hanno infatti drammaticamente complicando la vita ai giapponesi.

Ebbene, questo potrebbe essere proprio il destino dell’area dell’euro, che l’anno scorso sembrava essere sull’orlo dello sblocco degli stimoli monetari, salvo poi essere spinta nella direzione opposta. Con le tensioni commerciali mondiali che pesano sul sentiment e le aspettative di inflazione prossime al minimo storico, la Banca centrale europea si trova di fronte alla prospettiva di tagli dei tassi di interesse o di un nuovo allentamento quantitativo.

“Senza una forte ripresa, è difficile sfuggire alla bassa crescita, alla bassa inflazione e, di conseguenza, ai bassi tassi d’inflazione”, hanno dichiarato Carsten Brzeski e Inga Fechner, economisti di ING, come citati da Bloomberg. “Una ripresa economica potrebbe essere rapidamente superata e la politica monetaria potrebbe non avere abbastanza munizioni, con i tassi di interesse che rimangono bloccati allo zero per gli anni a venire”.

I parallelismi con il Giappone potrebbero dunque suggerire che nei prossimi anni l’Europa potrebbe trovarsi di fronte a un’impennata del bilancio della sua banca centrale, e potrebbe essere necessario un pacchetto fiscale molto importante. C’è anche la prospettiva di un aumento dell’età pensionabile per evitare che la forza lavoro si riduca troppo drasticamente.

“Per la zona euro, la lezione più importante non è probabilmente la causa principale della giapponesizzazione, ma i disperati tentativi di uscirne”, ha detto ING. “Non ci sarà molto spazio per gli aumenti dei tassi nei prossimi anni”.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.