Borsainside.com

Transizione energetica, l’opinione di State Street sui trend di investimento

clima

Come fronteggiare la transizione energetica in un contesto di cambiamenti climatici.

Poco fa Richard Lacaille, Global Chief Investment Officer, State Street Global Advisors, ha formulato un’interessante nota sulla necessità di strategie per sfruttare i trend di investimento creati dalla transizione energetica.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La focalizzazione dell’analista è principalmente legata ai gravi cambiamenti climatici in atto, per fronteggiare i quali è necessario procedere all’interpretazione di prospettive a lungo termine, nella consapevolezza che sono proprio i cambiamenti climatici uno dei principali rischi che incombono attualmente sui portafogli di investimento.

Per Lacaille, peraltro, questi rischi non sono limitati solamente alle aziende che “inquinano”, ma sono insiti in tutti i segmenti e settori di mercato:

a livello più alto, i cambiamenti climatici creano un rischio sistemico per i mercati finanziari;

a livello paese, gli Stati produttori di petrolio sono sotto pressione per la necessità di reinterpretare il proprio ruolo;

a livello di singole società, i cambiamenti climatici e la normativa legata al clima avranno un impatto sui modelli di business e sulle catene di approvvigionamento, a volte in modi inaspettati e imprevedibili.

Per quanto concerne gli investitori, è evidente che la sfida di smaltire una quantità elevata di titoli di società potenzialmente legate all’uso di combustibili fossili stia divenendo una preoccupazione sempre più urgente con l’aumentare delle pressioni a livello normativo.

“Un’ondata crescente di iniziative di carbon pricing avrà un impatto sulle valutazioni nei prossimi anni. Allo stesso tempo, la diminuzione dei costi delle energie rinnovabili continuerà a modificare il mix di fonti di energia, generando un rischio sostanziale per le aziende che sono fortemente dipendenti dai combustibili fossili e creando opportunità per le società dotate della flessibilità necessaria per adattarsi al cambiamento e delle conoscenze per trarne vantaggio” – aggiunge l’esperto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS