Borsainside.com

Come scegliere un ETF?

etf

Come scegliere un ETF? Ecco alcuni criteri guida che ti permetteranno di investire correttamente nei fondi.

Più volte sul nostro sito abbiamo parlato degli ETF, delle loro caratteristiche e dei loro vantaggi. Ebbene, con così tanti ETF oggi disponibili sul mercato, e altri che vengono lanciati ogni mese sul mercato italiano, è evidente che può essere difficile determinare quale prodotto finanziario possa risultare il migliore nel tuo portafoglio.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Come fare, allora?

Il sottostante

A molti piace concentrarsi sul rapporto costi/benefici tipico dell'ETF, sull’ampiezza del suo patrimonio gestito o sull'emittente.

È evidente che si tratti di cose molto importanti ma, per noi, la cosa più importante da considerare in un ETF è indubbiamente il suo sottostante.

Per tua fortuna, non è certo difficile farsi un’idea di cosa “celi” un ETF. La maggior parte di loro, peraltro, pubblicano il paniere dei loro investimenti su base giornaliera o almeno settimanale. Quindi, prenditi il tempo di guardare sotto l’etichetta dell’ETF e comprendere se le sue partecipazioni corrispondono o meno all'asset allocation che hai in mente.

Non solo. Fai particolare attenzione non solo a quali azioni o obbligazioni un ETF detiene, ma anche alla loro ponderazione. Alcuni indici pesano le loro partecipazioni in modo più o meno uguale, mentre altri permettono a uno o due grandi nomi di farsi carico della maggior parte del peso. Alcuni puntano a un'ampia esposizione al mercato, mentre altri si assumono dei rischi nel tentativo di sovraperformare il mercato. Tutte queste informazioni si trovano nel prospetto dell'offerta, nel foglio informativo di qualsiasi ETF o nella scheda di composizione del portafoglio.

Insomma, il primo suggerimento che vogliamo darti è: cerca di capire che cosa andrai a possedere. Non dare per scontato che tutti gli ETF siano uguali, perché… non lo sono!

La replica

Una volta trovato l’ETF giusto, è importante assicurarsi che il fondo abbia un “prezzo” ragionevole, sia ben gestito e sia negoziabile.

Ora, un errore che commette la maggior parte degli investitori è quello di osservare il rapporto costi/benefici, nella convinzione che più basso è, meglio è.

Tuttavia, almeno in questa fase, ti invitiamo a considerare che gli indici di spesa non sono un essenziale per la scelta di un buon ETF. In altri termini, non è quello che si paga, ma quello che si ottiene, a dover contare di più.

Proprio per questo motivo il nostro suggerimento è quello di osservare con particolare attenzione il gap di “tracciamento” di un ETF.

Per comprendere il perché, ricordiamo che gli ETF sono progettati per replicare gli indici. Se un indice è aumentato del 10,25% nell’arco di un anno, anche un fondo dovrebbe aumentare del 10,25%.

Tuttavia, raramente questo è il caso.

In primo luogo, ci sono delle spese. E le spese creano un effetto di “trascinamento” sui rendimenti. Se il fondo addebita lo 0,25% in commissioni annuali, il rendimento previsto sarà pari al 10,00% (10,25%-0,25%). Ma al di là delle spese, è vero che alcuni emittenti fanno un lavoro migliore di altri e che alcuni indici sono più facili da tracciare di altri.

Vuoi un esempio?

Cominciamo con lo scenario di base. Per un popolare indice azionario statunitense a larga capitalizzazione, come l'S&P 500, la maggior parte degli ETF che traccia quel fondo utilizzeranno quella che viene chiamata una strategia di "replica completa".

In altre parole, essi acquisteranno ogni titolo dell'S&P 500 con un rapporto esatto al modo in cui sono rappresentati nell'indice. Così facendo, al netto dei costi di transazione, questo fondo dovrebbe tracciare perfettamente l'indice.

Non sempre è però facile compiere una replica così completa. A volte, infatti, l’ETF ha come obiettivo quello di replicare l’andamento di un settore di Borsa, e la sua strategia di replica sarà evidentemente molto più versatile, andando a campionare o ottimizzare il presidio di tale settore e, di conseguenza, ottenendo una prestazione superiore o inferiore alla media dei titoli che detiene.

Inoltre, ci sono anche altri fattori possono influenzare il tracking, come la bravura del gestore dell'ETF nel supervisionare le posizioni e nell’eseguire le operazioni, o ancora nel gestire il proprio portafoglio.

Ad ogni modo, ai nostri fini è importante considerare che più bassa è la differenza di tracciamento, soprattutto per quanto riguarda il segno negativo, meglio è.

[HAI GIA’ LETTO LA NOSTRA GUIDA SUGLI ETF? LA TROVI QUI! -> COS’E’ UN ETF? ]

La liquidità

La liquidità di un ETF deriva da due elementi: la liquidità del fondo stesso e la liquidità degli strumenti finanziari sottostanti. I fondi con volumi medi giornalieri di negoziazione più elevati e un maggior numero di asset in gestione tendono a negoziare con spread più ristretti rispetto ai fondi con meno negoziazioni giornaliere o con un patrimonio inferiore.

Non esiste una regola perfetta su cosa costituisca un volume sufficiente ma, in generale, è lecito affermare che un ETF con un volume medio di scambi giornaliero superiore all’equivalente di 10 milioni di dollari può essere considerato liquido. Spread di domanda e offerta che in media sono inferiori allo 0,10% possono invece essere considerati stretti.

Evidentemente, anche i fondi con volumi di negoziazione limitati possono operare con spread ristretti se i titoli sottostanti del fondo sono liquidi. Un ETF che investe in azioni S&P 500, ad esempio, sarà probabilmente più liquido e scambierà a spread più ristretti rispetto a uno che investe in small cap brasiliani o in società di energia alternativa.

Leggi anche: Qual è la differenza tra ETF e fondi comuni di investimento?

Conclusioni

In definitiva, gli investitori che desiderano investire in un ETF devono porsi tre domande:

  • Quale esposizione ha questo ETF?
  • In che misura l'ETF garantisce questa esposizione?
  • Quanto è liquido e efficiente l'ETF?

Ti ricordiamo in tal proposito che puoi investire sugli ETF utilizzando le piattaforme di trading dei migliori broker in circolazione, come eToro (sito ufficiale), e che prima di investire con capitale reale, puoi “allenarti” un po’ aprendo un conto demo.

Buon trading!

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS