Come scegliere un ETF?

Più volte sul nostro sito abbiamo parlato degli ETF, delle loro caratteristiche e dei loro vantaggi. Ebbene, con così tanti ETF oggi disponibili sul mercato, e altri che vengono lanciati ogni mese sul mercato italiano, è evidente che può essere difficile determinare quale prodotto finanziario possa risultare il migliore nel tuo portafoglio.

Come fare, allora? Quali sono i criteri da seguire per scegliere un ETF? In questo articolo analizzeremo tutti i fattori da tenere in considerazione per scegliere i gli ETF più adatti al tuo profilo di investitore. 

Primo fattore: il sottostante

A molti piace concentrarsi sul rapporto costi/benefici tipico dell’ETF, sull’ampiezza del suo patrimonio gestito o sull’emittente.

È evidente che si tratti di cose molto importanti ma, per noi, la cosa più importante da considerare in un ETF è indubbiamente il suo sottostante.

Per tua fortuna, non è certo difficile farsi un’idea di cosa “celi” un ETF. La maggior parte di loro, peraltro, pubblicano il paniere dei loro investimenti su base giornaliera o almeno settimanale. Quindi, prenditi il tempo di guardare sotto l’etichetta dell’ETF e comprendere se le sue partecipazioni corrispondono o meno all’asset allocation che hai in mente.

Non solo. Fai particolare attenzione non solo a quali azioni o obbligazioni un ETF detiene, ma anche alla loro ponderazione. Alcuni indici pesano le loro partecipazioni in modo più o meno uguale, mentre altri permettono a uno o due grandi nomi di farsi carico della maggior parte del peso. Alcuni puntano a un’ampia esposizione al mercato, mentre altri si assumono dei rischi nel tentativo di sovraperformare il mercato. Tutte queste informazioni si trovano nel prospetto dell’offerta, nel foglio informativo di qualsiasi ETF o nella scheda di composizione del portafoglio.

Insomma, il primo suggerimento che vogliamo darti è: cerca di capire che cosa andrai a possedere. Non dare per scontato che tutti gli ETF siano uguali, perché… non lo sono!

Secondo fattore: la replica

Una volta trovato l’ETF giusto, è importante assicurarsi che il fondo abbia un “prezzo” ragionevole, sia ben gestito e sia negoziabile.

Ora, un errore che commette la maggior parte degli investitori è quello di osservare il rapporto costi/benefici, nella convinzione che più basso è, meglio è.

Tuttavia, almeno in questa fase, ti invitiamo a considerare che gli indici di spesa non sono un essenziale per la scelta di un buon ETF. In altri termini, non è quello che si paga, ma quello che si ottiene, a dover contare di più.

Proprio per questo motivo il nostro suggerimento è quello di osservare con particolare attenzione il gap di “tracciamento” di un ETF.

Per comprendere il perché, ricordiamo che gli ETF sono progettati per replicare gli indici. Se un indice è aumentato del 10,25% nell’arco di un anno, anche un fondo dovrebbe aumentare del 10,25%.

Tuttavia, raramente questo è il caso.

In primo luogo, ci sono delle spese. E le spese creano un effetto di “trascinamento” sui rendimenti. Se il fondo addebita lo 0,25% in commissioni annuali, il rendimento previsto sarà pari al 10,00% (10,25%-0,25%). Ma al di là delle spese, è vero che alcuni emittenti fanno un lavoro migliore di altri e che alcuni indici sono più facili da tracciare di altri.

Vuoi un esempio?

Cominciamo con lo scenario di base. Per un popolare indice azionario statunitense a larga capitalizzazione, come l’S&P 500, la maggior parte degli ETF che traccia quel fondo utilizzeranno quella che viene chiamata una strategia di “replica completa”.

In altre parole, essi acquisteranno ogni titolo dell’S&P 500 con un rapporto esatto al modo in cui sono rappresentati nell’indice. Così facendo, al netto dei costi di transazione, questo fondo dovrebbe tracciare perfettamente l’indice.

Non sempre è però facile compiere una replica così completa. A volte, infatti, l’ETF ha come obiettivo quello di replicare l’andamento di un settore di Borsa, e la sua strategia di replica sarà evidentemente molto più versatile, andando a campionare o ottimizzare il presidio di tale settore e, di conseguenza, ottenendo una prestazione superiore o inferiore alla media dei titoli che detiene.

Inoltre, ci sono anche altri fattori possono influenzare il tracking, come la bravura del gestore dell’ETF nel supervisionare le posizioni e nell’eseguire le operazioni, o ancora nel gestire il proprio portafoglio.

Ad ogni modo, ai nostri fini è importante considerare che più bassa è la differenza di tracciamento, soprattutto per quanto riguarda il segno negativo, meglio è.

[HAI GIA’ LETTO LA NOSTRA GUIDA SUGLI ETF? LA TROVI QUI! -> COS’E’ UN ETF? ]

Terzo fattore: la liquidità

La liquidità di un ETF deriva da due elementi: la liquidità del fondo stesso e la liquidità degli strumenti finanziari sottostanti. I fondi con volumi medi giornalieri di negoziazione più elevati e un maggior numero di asset in gestione tendono a negoziare con spread più ristretti rispetto ai fondi con meno negoziazioni giornaliere o con un patrimonio inferiore.

Non esiste una regola perfetta su cosa costituisca un volume sufficiente ma, in generale, è lecito affermare che un ETF con un volume medio di scambi giornaliero superiore all’equivalente di 10 milioni di dollari può essere considerato liquido. Spread di domanda e offerta che in media sono inferiori allo 0,10% possono invece essere considerati stretti.

Evidentemente, anche i fondi con volumi di negoziazione limitati possono operare con spread ristretti se i titoli sottostanti del fondo sono liquidi. Un ETF che investe in azioni S&P 500, ad esempio, sarà probabilmente più liquido e scambierà a spread più ristretti rispetto a uno che investe in small cap brasiliani o in società di energia alternativa.

Leggi anche: Qual è la differenza tra ETF e fondi comuni di investimento?

Conclusioni

In definitiva, gli investitori che desiderano investire in un ETF devono porsi tre domande:

  • Quale esposizione ha questo ETF?
  • In che misura l’ETF garantisce questa esposizione?
  • Quanto è liquido e efficiente l’ETF?

Sono questi i tre interrogativi che è fondamentale porsi prima di individuare gli ETF da inserire nel proprio portafoglio di investimento. E nel caso in cui si dovesse sbagliare? Gli errori fanno parte del percorso di un trader e anche gli investitori più esperti che sono specializzati in ETF hanno sbagliato e continuano a sbagliare anche oggi. Rispetto al passato, però, i trader con una certa esperienza riscono a gestire meglio i proprio sbagli. 

E un trader alle prime armi cosa può fare? Il consiglio che ci sentiamo di dare a chi investe in ETF per la prima volta è quello di studiare (questa guida è un buon punto di partenza). Fondamentale, inoltre, fare sempra pratica con soldi virtuali prima di passare a denaro vero. Le piattaforme di trading dei migliori broker in circolazione, come eToro (sito ufficiale), mettono sempre a disposizione un account dimostrativo per consentire ai loro clienti di esercitarsi. 

Nel caso specifico di eToro la demo è pari a 100 mila euro virtuali, una somma importante che puoi usare per imparare a scegliere gli ETF più adatti al tuo portafoglio senza correre il rischi di commettere sbagli operativi. 

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare ad investire in ETF>>>è gratis

Buon trading!

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.