eToro

Pir alternativi, raddoppia la soglia annua di investimento

pir

Il governo modifica parzialmente il regolamento di funzionamento degli investimenti sui Pir alternativi.

Il decreto approvato pochi giorni fa dal Consiglio dei Ministri ha raddoppiato la soglia annua di investimento nei Pir alternativi, portandola da 150.000 euro a 300.000 euro.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Non cambiano gli altri requisiti per poter validamente partecipare a tale comparto. In particolare, i Pir alternativi devono investire almeno il 70% del loro valore complessivo in strumenti finanziari di equity, debito, credito, emessi da imprese che siano fiscalmente residenti in Italia (o alternativamente da aziende residenti in Stati UE o See ma con stabile organizzazione nel territorio italiano), e non quotate negli indici Ftse Mib o in indici equivalenti di mercati regolamentati.

Esattamente come avviene con i Pir ordinari, l’investimento è esente da imposta di successione e, nell’ipotesi in cui sia mantenuto per almeno cinque anni, il risparmiatore otterrà un’esenzione fiscale sui rendimenti ottenuti.

A chi si rivolgono i Pir alternativi

I Pir alternativi si rivolgono a un investitore pienamente consapevole di impiegare il proprio capitale in uno strumento scarsamente liquido e, dunque, proprio per questo motivo contraddistinto da un maggiore livello di rischiosità. La durata dell’investimento è inoltre di medio lungo termine, o comunque almeno pari alla soglia temporale minima per poter fruire dell’esenzione fiscale.

Le differenze con i Pir ordinari

In parte già rammentate, sono diverse le differenze che permettono di separare lo strumento dei Pir alternativi da quello dei Pir ordinari. In particolare, per i Pir alternativi è meno stringente il vincolo di concentrazione degli investimenti, che passa al 20% invece del 10% dei Pir ordinari. Ancora, i Pir alternativi hanno una soglia annua massima di investimento che è stata ora innalzata a 300.000 euro, con soglie sicuramente più elevate rispetto a quelle previste per i Pir ordinari.

L’investimento complessivo massimo rimane a 1,5 milioni di euro per Pir alternativi, contro i 150.000 euro per i Pir ordinari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato