Dal Sudafrica una nuova variante Covid-19: cosa sappiamo e cosa possono fare i vaccini

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha comunicato che oggi si riunirà per discutere della presenza di una nuova variante del Covid-19.

La variante – conosciuta come B.1.1.529 – è stata rilevata in piccoli gruppi in Sud Africa e, stando alle prime osservazioni, contiene più di 30 mutazioni alla proteina spike, la componente del virus che si lega alle cellule. Si tratta, purtroppo, di un numero significativamente più alto di quello della variante Delta, che si è diffusa a macchia d’olio all’inizio di quest’anno, per diventare rapidamente il ceppo dominante in tutto il mondo. Molte di queste mutazioni sono legate a una maggiore resistenza anticorpale, che può ridurre l’efficacia dei vaccini e influenzare il comportamento del virus dinanzi a trattamenti e trasmissibilità.

Ciò premesso, gli scienziati non sanno ancora molto su questa mutazione e, probabilmente, ci vorranno almeno alcune settimane per avere un quadro completo di come la variante reagisce ai vaccini esistenti.

In ogni caso, alcune nazioni come il Regno Unito si sono mosse immediatamente per vietare i voli da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Namibia, Eswatini e Zimbabwe.

I primi genomi della nuova variante sono stati caricati sul database internazionale GISAID il 22 novembre, ma il fatto che dal Sud Africa siano stati registrati casi di tale variante anche ad Hong Kong, rende l’estensione della diffusione piuttosto ignota. Il focolaio principale dovrebbe comunque essere stato nella regione del Gauteng, quella più popolata del Sudafrica, e sede di quasi 16 milioni di persone.

Dunque, è ancora troppo presto per capire se i vaccini attuali possono o meno costituire una buona arma contro la nuova variante e, in particolare, quelli in uso nel nostro Paese.

Al momento in cui scriviamo le azioni Pfizer hanno guadagnato il 37% nell’ultimo anno, mentre le azioni Moderna hanno compiuto un balzo del 115%.

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che volessero investire in azioni delle compagnie farmaceutiche che il modo più conveniente per farlo è certamente quello di ricorrere al servizio di trading di un operatore qualificato e regolamentato come FPMarkets, mediante l’utilizzo di contratti per differenza.

Ricordiamo anche che il broker propone a tutti i suoi clienti un conto demo gratuito con cui non solamente sarà possibile prendere dimestichezza con la piattaforma di trading, quanto anche mettere alla prova la propria strategia in condizioni di totale sicurezza.

Clicca qui per aprire un conto di trading demo gratis con FPMarkets (sito ufficiale)!

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.