La correlazione nei certificati finanziari di investimento

Grazie agli spunti educativi di Acepi, negli scorsi giorni ci siamo occupati con particolare attenzione alle “variabili in gioco” dei certificati finanziari di investimento, ovvero a tutti gli elementi che possono influenzare il valore di un certificato di investimento.

Senza voler rammentare eccessivamente quel che abbiamo già elaborato, possiamo pur sempre ricordare in questa ipotesi come molto dipenda dalla strategia dell’investitore.

Se infatti l’investitore ha una strategia di tipo buy and hold, perché preferisce acquistare un titolo e tenerlo fino alla scadenza naturale nel proprio portafoglio, la variabile che dovrebbe valutare con maggiore attenzione sarà rappresentata dal valore del sottostante a scadenza, declinando poi la propria valutazione a seconda della struttura del certificato, che potrebbe avere barriere o rimborsi anticipati.

Se invece l’investitore ha una strategia più dinamica, e non vuole mantenere il certificato fino alla scadenza, perché lo vuole chiudere prima di tale termine, allora dovrà cercare di prevedere in che modo il certificato e il suo valore reagiscono ad alcune variabili rilevanti per poter determinare l’andamento dei prezzi sul mercato secondario.

Di alcune variabili abbiamo parlato già negli ultimi giorni, come la volatilità del sottostante, il trascorrere del tempo, la dinamica dei tassi di interesse e la variazione delle valute in cui sono espressi i prezzi dei sottostanti e ancora i dividendi che sono attesi durante la vita del certificato.

L’ultimo elemento su quale vogliamo concentrarci, se il sottostante è composto da una pluralità di asset, è legato alla correlazione.

Non sfugge infatti che il sottostante di alcuni certificati finanziari di investimento sia costituito da una pluralità di titoli e di indici, piuttosto che da un singolo titolo.

In queste ipotesi, una variabile molto importante da considerare è il legame che caratterizza i movimenti dei rendimenti dei vari sottostanti presenti all’interno del basket, ovvero la loro correlazione.

Se i vari titoli hanno un comportamento omogeneo tra di loro, ovvero se si “muovono” in maniera ordinata nella stessa direzione, probabilmente l’indice di correlazione tenderà a 1. Di contro, se i titoli hanno movimenti non omogenei, muovendosi in modo opposto, la correlazione si avvicinerà a 0 o potrebbe essere anche negativa.

Di solito, minore è la correlazione, maggiore è l’effetto della diversificazione e, dunque, più bassa sarà la volatilità.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Certificates

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.