Tencent: la Cina si divide su criptovalute e blockchain

Tencent: la Cina si divide su criptovalute e blockchain

La People’s Bank of China prende in considerazione la possibilità di distribuire una valuta digitale centrale

CONDIVIDI

Il colosso di internet Tencent ha condotto un’indagine che ha coinvolto 100 economisti provenienti da banche, istituti di ricerca e università. Gli intervistati sono stati interrogati su una serie di questioni economiche di interesse nazionale, tra cui il futuro della blockchain e delle “valute digitali centrali”.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Per quanto riguarda la blockchain, il 33% degli economisti intervistati ritiene che si tratti di una tecnologia molto importante, mentre il 19% non ha mostrato alcun entusiasmo. Il 32% ha invece affermato di avere una posizione neutrale sull’argomento. Sulla possibilità di una moneta digitale emessa dalla banca centrale, circa la metà (51%) sosterrebbe una versione dello yuan basata sulla blockchain. Di parere opposto il 40%.

Il dibattito non è peregrino: proprio come altre giurisdizioni in tutto il mondo, la People’s Bank of China, la banca centrale cinese, avrebbe esplorato la possibilità di distribuire una valuta digitale centrale.

Lo studio di Tencent segna quindi un nuovo capitolo nella storia del rapporto amore-odio tra criptovalute e Cina, dove il trading su exchange e i progetti ICO sono stati ostracizzati duramente negli ultimi anni, ma la tecnologia sottostante, la blockchain, viene studiata con molto interesse. “Nonostante le misure draconiane adottate da Pechino, è sempre lo stesso paese dove, 1 cittadino su 7 ha già investito in crypto”, commenta Anatoliy Knyazev di Exante, citando un sondaggio di PANews, in cui “il 95% ha dichiarato di essere a conoscenza della tecnologia blockchain e il 40% intende investire in futuro nelle crypto”.

Inoltre un organo sotto il controllo del Ministero dell’Industria e dell’Information Technology, il China’s Center for Information and Industry Development (CCID), si occupa di rilasciare ogni mese una classifica sui migliori progetti del comparto. Nell’ultimo ranking, il nono, pubblicato appena tre settimane fa, EOS occupava il primo posto, Ethereum il secondo, Bitcoin il quindicesimo e Ripple il ventesimo.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
+