IVA Precompilata dal 2020: dichiarazioni e liquidazioni online: come fare?

dichiarazione iva precompilata
dichiarazione iva precompilata © iStockPhoto

Partirà dal 2020 la dichiarazione IVA precompilata. Si tratta di un'altra semplificazione da parte dell'agenzia dell'entrate che si va ad aggiungere a fattura elettronica e scontrini elettronici

CONDIVIDI

Diventa precompilato anche il modello IVA a partire dal 2020. All’interno del modello F24 precompilato rientra anche la dichiarazione ai registri e la liquidazione dell'imposta.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Si deve attendere il prossimo anno affinché le Partite IVA possano ricevere da parte dell’Agenzia delle Entrate la dichiarazione IVA, i registri e la liquidazione dell’imposta sul valore aggiunto, con il modello precompilato F24, precompilato dal Fisco e riportante la somma da versare.

Tutti i pagamenti potranno anche essere effettuati online. Questo lo si deve ai risultati resi possibili dall’entrata in vigore dell’obbligo generalizzato (B2B e B2C) di fattura elettronica.

La novità viene annunciata da Antonino Maggiore, direttore delle Entrate, in occasione proprio dell’audizione VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato.

IVA precompilata? Al via dal 2020

Dopo aver introdotto nel 2019 la dichiarazione dei redditi precompilata, grazie alle informazioni acquisite con i flussi delle e-fatture e dei corrispettivi telematici, la stessa Agenzia delle entrate ha pensato di mettere in atto un altro documento precompilato, tale da renderlo disponibile a tutti i contribuenti, in attuazione anche dell’articolo 4 del decreto legislativo n. 127/2015.

Queste informazioni vengono valorizzate e rese utili anche per i contribuenti, sempre in un’ottica di semplificazione e di riduzione degli adempimenti fiscali, e non solo al Fisco, per potenziare le proprie attività di analisi del rischio e controllo.

Il Fisco provvederà alla precompilata a partire dal periodo di imposta 2020 e riguarda:

  • Bozze dei registri IVA; questi potranno essere verificate e integrate dal contribuente tramite il proprio intermediario;
  • Bozze di comunicazioni di liquidazione periodica IVA;
  • Modello F24 per il pagamento anche online;
  • Bozza di dichiarazione IVA.

Al momento questi saranno i primi provvedimenti a cui ne seguiranno altri in termini di semplificazione e di eliminazione degli adempimenti comunicativi posti a carico dei soggetti che attualmente trasmettono i dati necessari ai fini dell’elaborazione della dichiarazione precompilata.

e-Fattura in numeri

Sempre in quest’ottica il direttore delle Entrate ha fornito le principali linee guida risultate dell’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica, a distanza anche di 5 mesi dal suo avvio.

I numeri che sono registrati dal Sistema di Interscambio (SdI) sono positivi; si parla di 889 milioni di fatture elettroniche inviate fino all’11 giugno 2019 per un totale di 3,3 milioni di cedenti e importi posti pari a 1.537 miliardi di euro (di cui 161 miliardi di imposta).

In pratica dal 2020 si potranno ricevere in forma precompilata, la dichiarazione, i registri e la liquidazione dell'imposta per mezzo del relativo F24 atto a pagare online. Questi dati a ben vedere sono già in possesso dell’agenzia delle entrate i quali sono stati acquisiti per mezzo delle fatture elettroniche.

Anche i corrispettivi telematici consentono di valorizzare il patrimonio informativo dell'amministrazione con l’intento di potenziare le proprie attività di analisi legate al rischio e al controllo.

Lo stesso serve a offrire maggiori servizi volti nel tempo a semplificare e a ridurre gli adempimenti fiscali. Questo vuol dire anche aggiungere ulteriori semplificazioni in termini di eliminazione degli adempimenti comunicativi posti a carico dei soggetti i quali attualmente trasmettono i dati necessari ai fini dell'elaborazione della dichiarazione precompilata.

L’Agenzia delle Entrate ha anche messo a disposizione di tutti i soggetti passivi IVA residenti e stabiliti in Italia, all’interno di un’apposita area riservata del sito internet, le seguenti bozze di documenti:

  1. registri IVA acquisti ed IVA vendite;
  2. liquidazione periodica IVA;
  3. dichiarazione annuale IVA.

Le operazioni documentate dai corrispettivi prenderà il via il 1° gennaio 2020 con l’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica di tutti i corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.

Pertanto, avendo a disposizione tutti i dati relativi alle operazioni IVA, si potrebbe ben sperare che a partire dal 2020, i contribuenti saranno quasi del tutto esonerati dagli adempimenti IVA per via dell’invio sistematico dei dati delle operazioni realizzate e ricevute mediante i suddetti strumenti e la fattura elettronica, sgrava i contribuenti da tutta una serie di adempimenti.

Tutti i soggetti passivi IVA, che, anche per il tramite di intermediari abilitati, convalidano le informazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate o provvedano ad integrarle, possono essere esonerati dalla tenuta dei registri IVA.

Resta invece l’obbligo per tutti i soggetti, previa opzione vincolante per almeno un triennio, di tenere i registri IVA senza operare annotazioni relative a incassi e pagamenti.

>>Leggi anche: Flat tax - Pace Fiscale Famiglie e Imprese

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Tommaso Piccinni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
+