Come fare per uscire dall'Isee familiare e ottenere bonus e agevolazioni per Isee basso

Come fare per uscire dall'Isee familiare e ottenere bonus e agevolazioni per Isee basso

Uscire dall'Isee familiare può garantire l'accesso a numerosi vantaggi fiscali, tra cui bonus ed agevolazioni destinati alle famiglie con Isee sotto una certa soglia

Sia il governo Conte che l'attuale governo guidato dall'ex presidente della Bce hanno introdotto una lunga serie di agevolazioni e bonus destinati soprattutto alle famiglie maggiormente colpite dalla crisi economica dovuta alla gestione della pandemia di Covid-19.

Ad essere raggiunti dagli aiuti messi in campo dall'esecutivo sono quindi soprattutto i nuclei familiari con Isee basso, ed alcune agevolazioni, ad esempio la garanzia dello Stato sui mutui per comprare casa, nonché alcune detrazioni per l'acquisto della prima casa, sono specificamente indirizzate ai giovani che vogliono conquistare la propria autonomia abitativa ma si trovano in situazioni di ristrettezza economica.

Ed è proprio in questo contesto che si concretizza in maniera lampante il paradosso costituito dal fatto che il giovane che non ha ancora conquistato la propria autonomia abitativa, vivendo coi propri genitori, rischia di non risultare in possesso dei requisiti Isee necessari per accedere all'agevolazione introdotta, in teoria, proprio per chi si trova in quella situazione.

Ne consegue che questo beneficio può essere goduto principalmente da coloro che hanno già una certa autonomia abitativa, vivendo per conto proprio in affitto, ma grazie all'agevolazione possono riuscire ad avere una casa di proprietà.

Per tutti gli altri, nel caso di questa agevolazione ma non solo, il raggiungimento del requisito del reddito Isee sotto una certa soglia è ostacolato dall'appartenere ancora al nucleo familiare dei genitori. Ma come si fa ad uscire dall'Isee familiare?

Come uscire dall'Isee familiare dei genitori

Uscire dall'Isee familiare può offrire diversi vantaggi, si può conquistare infatti la possibilità di richiedere prestazioni di sostegno economico statali o benefici assistenziali, tra cui anche il Reddito di Cittadinanza il cui importo peraltro risulta maggiorato per coloro che vivono in affitto.

Per un disoccupato che vive ancora coi genitori ad esempio restare nel nucleo familiare preclude tutta una serie di possibilità, e non potrà accedere a diversi bonus e detrazioni per via del mancato raggiungimento del requisito dell'Isee. 

La soluzione più semplice per uscire dall'Isee familiare è quella di cambiare residenza. Questo naturalmente non deve semplicemente risultare sulla base di una dichiarazione, ma deve rispondere al vero, e quindi implica che l'interessato si trasferisca fisicamente in una nuova abitazione.

Cambiando residenza si forma automaticamente un nuovo nucleo familiare e si ottiene di diritto l'accesso ad una serie di benefici fiscali tra cui:

  • il patrocinio gratuito
  • la possibilità di richiedere bonus destinati a famiglie con Isee basso
  • la possibilità di partecipare a bandi indetti dal Comune ad esempio per l'accesso alle case popolari
  • l'accesso a sconti previsti per i mezzi pubblici

Quali sono i familiari fiscalmente a carico

C'è un altro modo per uscire dall'Isee familiare pur avendo la propria residenza con i propri genitori, ed è quello di non risultare fiscalmente a carico. Ma per capire meglio come funziona facciamo un passo indietro.

Diciamo prima di tutto che il nucleo familiare è composto da tutte quelle persone che vivono insieme, avendo tutti la stessa residenza, o che sono a carico di una stessa persona anche se non vivono sotto lo stesso tetto. Ciò vuol dire che risultano apparenere allo stesso nucleo familiare coloro che sono legati da un vincolo di matrimonio o convivenza, di parentela o di tutela.

Se prendiamo l'esempio del figlio che per studio si trasferisce in un'altra città, ma che non ha un lavoro o ha un lavoro che non gli garantisce un reddito superiore ad una certa soglia, questo continuerà ad essere un familiare fiscalmente a carico dei genitori e continuerà a far parte quindi dello stesso nucleo familiare.

Possono essere fiscalmente a carico:

  • il coniuge: nel caso di separazione però il coniuge non viene più considerato fiscalmente a carico
  • i figli
  • altri familiari quali genitori, fratelli, sorelle, così pure nuore e suoceri ma solo se conviventi oppure se ricevono un assegno alimentare che non risulta da provvedimenti dell'autorità giudiziaria

Un familiare cessa di essere fiscalmente a carico anche per reddito dopo le modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2020. Infatti se un figlio percepisce nel periodo d'imposta di riferimento un reddito superiore ai 2.841 euro, compresi gli oneri deducibili, o superiore ai 4.000 euro nel caso di figli di età non superiore a 24 anni, sarà automaticamente non più fiscalmente a carico dei genitori.

In conclusione sono fuori dal nucleo familiare e quindi sono fuori dall'Isee familiare coloro che:

  • non vivono più con la propria famiglia e hanno cambiato residenza
  • hanno meno di 24 anni ma producono un reddito superiore a 4.000 euro annui
  • hanno più di 24 anni e producono un reddito superiore a 2.840.51 euro annui.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS