Calendario economico, gli appuntamenti per la settimana di ferragosto

market mover

Un riepilogo dei principali market mover di questa calda settimana di ferragosto!

CONDIVIDI

Prende oggi il via la settimana di ferragosto: non certo il periodo più caldo dell’anno (almeno, sul fronte dei market mover), ma comunque un buon momento di riflessione, senza perdere di vista i pochi eventi degni di grande rilevanza nel nostro calendario economico globale.

Cominciamo dai dati che usciranno domani. In Cina l’attesa è incentrata sul dato di produzione industriale aggiornato a luglio, che dovrebbe dare una tiepida accelerazione al precedente, passando al 6,3% su base annuale dal 6,0%. In Europa, nella stessa giornata usciranno i dati di PIL della Germania: il dato trimestrale dovrebbe mostrare una lieve accelerazione dallo 0,3% allo 0,4%; sempre in Germania usciranno le rilevazioni ZEW del sentimento sull’economia tedesca, con un dato in attenuazione da -24,7 a – 20,1 punti.

Infine, sempre nella giornata di martedì, in Gran Bretagna usciranno i dati sui salari medi, stabili al 2,5% di crescita, e quelli delle richieste di sussidio di disoccupazione, forse invariati a 7,8 mila.

Passiamo dunque alla giornata di mercoledì, che per noi sarà festivo. In Gran Bretagna l’attesa è per i dati dell’IPC annuale, che nel mese di luglio dovrebbe mostrare una tiepida accelerazione dal 2,4% al 2,5%. Negli USA il focus è sulle vendite al dettaglio dei beni essenziali, con dato mensile stabile allo 0,4% per il mese di luglio. Complessivamente, il dato sulle vendite al dettaglio (mensile, luglio) potrebbe aver rallentato allo 0,2%, ex 0,5%.

Spostiamoci poi alla giornata di giovedì. In Gran Bretagna usciranno i dati sulle vendite al dettaglio, che nel mese di luglio dovrebbero aver invertito la tendenza, con dato mensile di + 0,2% contro flessione di 0,5% del dato precedente. Negli USA si dovrebbe segnalare un andamento positivo dei permessi di costruzione rilasciati a luglio, con lieve accelerazione da 1,292 milioni a 1,305 milioni. Pubblicato infine anche l’indice di produzione della Fed di Philadelphia, che ad agosto potrebbe essere in calo a 22,3 punti contro precedenti 25,7 punti.

Chiudiamo quindi con i dati di venerdì. Il più importante è certamente l’IPC dell’area euro, che a luglio, su base annua, dovrebbe esser rimasto invariato al 2,1%.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro