Rupia indiana, previsioni di recupero per il 2020

Secondo quanto afferma un recente sondaggio condotto da Reuters, la rupia indiana recupererà le perdite conseguite quest’anno contro il dollaro entro i prossimi 12 mesi, anche grazie all’emissione di obbligazioni sovrane in valuta estera.

Gli analisti di Reuters evidenziano come in India sia cresciuto il rischio politico, dopo che il Paese ha revocato la condizione speciale del Kashmir – la regione himalayana che lungamente è stata un punto di contesa nei rapporti con il vicino Pakistan: una decisione che ha spinto al ribasso la rupia, ai minimi da 5 mesi, a quota 71 per dollaro.

Non solo. A influenzare negativamente le valute dei mercati emergenti sono state le mosse che hanno favorito l’escalation della guerra commerciale USA-Cina, con le autorità cinesi che hanno permesso allo yuan di indebolirsi a oltre 7 dollari per la prima volta in oltre un decennio. La rupia è scesa conseguentemente dell’1,6%, il calo più grande dall’inizio di dicembre.

Ad ogni modo, sebbene tali sviluppi non possano che indicare una debolezza a breve termine per la rupia indiana, il sondaggio condotto da Reuters su un panel di oltre 40 strateghi prevede che queste preoccupazioni saranno solo di breve durata, e la valuta riprenderà terreno perduto, nel corso del prossimo anno.

In particolare, la rupia è stimata guadagnare quasi il 2% a 69,60 per dollaro, nella prospettiva a 12 mesi più ottimistica, anche se tale evoluzione dipenderà principalmente dal miglioramento delle relazioni USA-Cina, che hanno appena preso una brutta piega.

Ancora, quasi tre quarti degli strateghi si sono detti convinti che la recente decisione del governo indiano di emettere debito sovrano in valuta estera, se attuata, sosterrebbe la rupia. Tuttavia, tale convinzione non è stata omogenea, poiché la mancanza di chiarezza sui tempi e sul volume del programma ha impedito agli intervistati di valutare l’entità del suo effetto. “L’impatto a breve termine può essere positivo, anche se dipendente dall’entità dell’emissione prevista. Tuttavia, è probabile che l’impatto a lungo termine sia negativo“, ha dichiarato Abhishek Upadhyay, economista senior dell’ICICI Securities Primary Dealership.

Dato il persistente elevato deficit fiscale, l’India corre il rischio di appoggiarsi pesantemente alle emissioni di valuta forte come meccanismo di fuga, proprio come ha sui veicoli di finanziamento fuori bilancio e i rischi possono quindi accumularsi nel tempo” – ha poi aggiunto.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Forex

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.