Brexit no deal sempre più probabile, ecco le ultime mosse di Johnson

brexit

Boris Johnson riduce i tempi utili ai parlamentari per poter discutere della questione Brexit: no deal più vicino.

CONDIVIDI

La sterlina ha perso terreno nei confronti delle principali valute controparte dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato di aver programmato la riapertura formale del Parlamento solo per il 14 ottobre, con una mossa particolarmente controversa, visto e considerato che che limiterebbe il tempo utile prima della scadenza di Brexit, e aumenterebbe le possibilità che il Regno Unito possa lasciare l'UE senza alcuna intesa.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Insomma, se non ci saranno novità avverse in tal senso, il Parlamento riaprirà il 14 ottobre per il discorso consueto della Regina, che segna la riapertura formale dell’aula e che, quest’anno, limiterebbe il tempo a sole due settimane prima della scadenza del 31 ottobre, termine ultimo per poter trovare un accordo in seno alla Brexit.

Naturalmente, i partiti di opposizione si sono schierati contro tale approccio, e hanno segnalato la loro intenzione di unirsi nel tentativo di impedire a Johnson di forzare una Brexit no deal che, anche secondo le ultime proiezioni, potrebbe danneggiare l'economia britannica. Dunque, la mossa di Johnson di oggi è vista soprattutto come un tentativo da parte del governo di soffocare la creazione di tale iniziativa parlamentare, forzando i tempi per arrivare al 31 ottobre. Dal canto suo, Johnson ha invece replicato alle accuse affermando che i partiti avranno ancora molto tempo per discutere di Brexit fino alla scadenza, e che dunque non corrisponde a verità l’intenzione di estromettere il Parlamento sulla questione.

Dunque, il calendario sembra essere tracciato. Il Parlamento sarà di ritorno la prossima settimana e si riunirà fino al 9 settembre, quando i deputati si fermeranno per la consueta pausa di stagione, della durata ordinaria di tre settimane. La mossa di Johnson quest’anno ha tuttavia esteso l'intervallo a cinque settimane.

Tuttavia, a ciò si deve aggiungere il fatto che, una volta di ritorno, i parlamentari dovranno affrontare il discorso della Regina, un’abitudine quando un nuovo governo prende il potere in Gran Bretagna, che richiede anche cinque giorni di dibattito al seguito. Questo renderà più difficile per i deputati utilizzare i tepi successivi ad ottobre, in quanto non ci sarebbe sufficiente sul programma parlamentare…

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro