Analisi e previsioni NZD/USD: la coppia sta per testare ancora il record di 5 mesi

Analisi e previsioni cross NZD/USD - BorsaInside.com

Il NZD/USD sta dimostrando una performance eccezionale, estendendo la sua striscia positiva per il quinto giorno consecutivo, alimentato principalmente dal deprezzamento del dollaro statunitense (USD).

Nel corso delle prime ore della giornata di oggi, venerdì 15 dicembre, il cambio NZD/USD è posizionato saldamente intorno a 0.6220.

Questa impresa continua a catturare l’attenzione degli investitori, i quali ora dirigono il loro sguardo verso i dati imminenti sull’Indice dei gestori acquisti globali (PMI) di S&P Global, in programma per venerdì.

Nonostante i dati economici positivi provenienti dagli Stati Uniti, tra cui un significativo aumento mensile dello 0,3% delle vendite al dettaglio per il mese di novembre e un calo delle richieste di sussidio di disoccupazione iniziali a quota 202.000, il dollaro statunitense non è riuscito a trovare un sostegno sufficiente.

Parallelamente, l’indice PMI delle imprese neozelandesi per novembre ha registrato un notevole incremento, passando da 42,5 a 46,7, fornendo così un ulteriore impulso al dollaro neozelandese (NZD).

Un indicatore chiave da tenere d’occhio è il Relative Strength Index (RSI) a 14 giorni, attualmente al di sopra del livello 50. Questo suggerisce un sentimento rialzista e alimenta l’ipotesi che il cambio NZD/USD possa ripetere il suo massimo di cinque mesi, toccando quota 0,6249, in armonia con il livello principale di 0,6250. Nel caso in cui la coppia riesca a superare la zona di resistenza attuale, potrebbe trovare ulteriore supporto nel territorio psicologico prossimo a 0,6300.

Inoltre, la posizione positiva della linea Moving Average Convergence Divergence (MACD) è da notare, con la stessa al di sopra sia della linea centrale che della linea di segnale. Tale configurazione potrebbe confermare il momentum rialzista nel mercato, consolidando ulteriormente la posizione del NZD/USD.

Quali sono le previsioni meno ottimistiche

Sul fronte negativo, l’attraversamento al di sotto del livello psicologico chiave di 0,6200 potrebbe innescare una correzione, portando il cambio a scendere fino al livello di ritracciamento di Fibonacci al 23,6% , fissato a 0,6165, prima di raggiungere il supporto principale a 0,6150. Una rottura decisa al di sotto di quest’ultimo livello potrebbe addirittura spingere il cambio NZD/USD verso la regione circostante la media mobile esponenziale a 14 giorni (EMA), posizionata a 0,6149.

Come abbiamo visto quindi, l’andamento attuale del cambio NZD/USD riflette una dinamica positiva supportata da diversi fattori chiave, con prospettive di ulteriori guadagni se il momentum rialzista persiste e le resistenze vengono superate con successo.

Tutti i migliori broker CFD danno la possibilità di fare trading sul cross Nzd/Usd. Noi consigliamo eToro (qui la recensione), dove puoi aprire un conto demo gratuito da 100mila euro virtuali per imparare a fare trading senza correre il rischio di perdere soldi veri.

eToro logo piccolo2

Per fare trading forex con eToro clicca qui, e potrai aprire il conto demo gratis per iniziare senza rischiare.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading