Guardie al mausoleo di Ankara

Le elezioni presidenziali della Turchia sono l’evento catalizzatore della giornata. Come facilmente prevedibile, il primo turno si è chiuso con un nulla di fatto. Nessuno dei candidati è riuscito a superare la soglia del 50% + 1 dei voti anche se il presidente in carica Erdoğan ci è andato molto vicino. Nessun vincitore al primo turno e di conseguenza tutto rinviato al turno di ballottaggi che, come imposto della costituzione, si terrà tra due settimane.

Il fatto che le elezioni turche si siano fin qui svolte in linea con le previsioni, non significa che non abbiamo già avuto delle conseguenze molto forti. Non stiamo parlando di politica o di società ma di finanza e mercati, precisamente quello del Forex. Durante tutta la durata del primo turno delle presidenziali, la Lira Turca si è indebolita sempre di più. Al termine delle elezioni, ecco poi l’amara situazione: Lira sui minimi storici e di conseguenza cambio USD/TRY mai così in alto.

Il cross valutario questa mattina viaggia a 19,66, in forte aumento rispetto al giorno precedente al voto. La tendenza che si è andata a consolidare, perfettamente visibile semplicemente dando un occhio al grafico in basso, è molto chiara: man mano che è apparso evidente che sarebbe stato Erdoğan ad avvicinarsi più degli altri canditati alla soglia del 50% + 1, la coppia USD/TRY si è progressivamente rafforzata.

Questo progressivo indebolimento della Lira Turca è avvenuto per un motivo ben preciso: i traders avevano palesemente abbracciato le previsioni che davano il presidente turco uscente come inseguitore e non come protagonista del voto. Vero è che i venti di plebiscito appartengono oramai al passato, tuttavia stando ai sondaggi della vigilia, Erdoğan si sarebbe dovuto fermare al 45 per cento mentre i dati reali lo danno al 49 per cento. Parallelamente il principale rivale Kılıçdaroğlu si sarebbe dovuto attestare tra il 47 e il 49 per cento mentre si è poi fermato al 45 per cento.

Se a ciò si aggiunge poi il fatto che l‘Alleanza Cumhur guidata dall’AKP di Erdogan, ha la maggioranza nel parlamento turco, non si può non ammettere che il presidente uscente ha già la strada spianata per il secondo turno. Nella remota ipotesi in cui a prevalere dovesse essere Kılıçdaroğlu, il nuovo presidente avrebbe seri problemi a governare con un parlamento dominato dal partito di Erdogan. Insomma i giochi sono fatti anche se tutto è rinviato al secondo turno.

Forse di può anche interessare — Elezioni presidenziali Turchia: Erdogan al ballottaggio, ma Kiliçdaroglu parla di farsa

Come investire se Erdoğan vince le elezioni turche?

Non è necessario essere dei grandi esperti di finanza e di forex per capire che se Erdoğan dovesse essere confermato alla presidenza, il cambio USD/TRY si dovrebbe confermare sui livelli attuali e quindi la Lira dovrebbe restare sui minimi.

Secondo Richard Briggs, Senior Fund Manager, Emerging Market Debt di Candriam, in realtà, per quanto significativi i movimenti sui cambi sono stati anzi più contenuti rispetto a quello che ci si poteva attenere e questo grazie agli interventi locali. Secondo l’esperto è quindi molto probabile che la situazione possa restare invariata nel breve termine anche se a costo di “ingenti interventi da parte della banca centrale e delle banche locali”, i quali non potranno che creare ulteriori e maggiori squilibri che la Turchia sarà prima o poi chiamata a risolvere.

Tra l’altro, ha quindi proseguito l’esperto, negli ultimi tre anni Ankara ha sempre più preso tempo, ricorrendo ai depositi di altre banche centrali (in particolare degli Stati del Golfo) e a quelli della Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. I nodi, però, prima o poi sono destinati a venire al pettine.

Chi volesse investire sul cambio USD/TRY non deve ovviamente acquistare e vendere valuta. Grazie ai CFD (strumenti derivati) si può speculare sulle differenze di prezzo e quindi operare sia al rialzo (long trading) che al ribasso (short trading).

Un broker con una vasta offerta di CFD FX è eToro (qui la nostra recensione). Questa piattaforma non solo offre la demo gratuita per fare pratica ma permette anche di iniziare a speculare a partire da un deposito minimo di partenza di soli 50 dollari.

–REGISTRATI GRATIS SU ETORO PER AVERE LA DEMO DA 100MILA EURO VIRTUALI>>

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.