Investire nell’oro con B2Gold Corp., società mineraria con un potenziale di crescita del 33,1% e un rendimento del dividendo del 4,4%

Idee di Investimento: B2 Gold Corp. - BorsaInside.com

B2Gold Corp. (BTG) è un produttore internazionale di oro di medio livello con tre miniere operative in Mali, nelle Filippine e in Namibia. La società possiede anche una quota del 25% nella Calibre Mining Corp., che opera le miniere La Libertad ed El Limon in Nicaragua, e un interesse del 19% in BeMetals Corp. Inoltre, la società possiede una serie di depositi in fase di sviluppo ed esplorazione in Canada, Mali, Uzbekistan, Colombia e Finlandia. Si prevede che il suo progetto aurifero di classe mondiale Goose in Canada, programmato per il lancio nel primo trimestre del 2025, aumenterà il volume totale di produzione di B2Gold. La società è stata costituita nel 2006 e ha sede a Vancouver, Canada.

Freedom24 Idee Investimento

Qual è l’idea?

  • I prezzi dell’oro dipendono da molti fattori e sono spesso soggetti a interessi speculativi. Nel primo semestre del 2023, la domanda di oro è rimasta forte, con i prezzi che si sono mantenuti a livelli record, fornendo alle società minerarie un buon slancio.
  • B2Gold è coinvolta nella produzione di oro in Africa, Asia e America del Sud, quindi la società ha un buon track record di operazioni di successo in regioni politicamente instabili.
  • La società ha effettuato un’acquisizione strategica di Sabina Gold & Silver Corp., che ha dato a B2Gold accesso a depositi di classe mondiale nel Back River Gold District situato in Nunavut, Canada. Il primo dei progetti, Goose, è programmato per il lancio nel primo trimestre del 2025.
  • B2Gold vanta una solida posizione finanziaria, un basso debito, significative riserve di contanti e un rendimento del dividendo di circa il 4,4%. Uniti al suo solido portafoglio di attività, questi punti di forza possono rendere la società un obiettivo di acquisizione redditizio per i concorrenti in prevista fase di consolidamento nel settore dell’oro.

OTTIENI L’ACCESSO AD ANALISI PLURIPREMIATE – GRATIS SU FREEDOM24 >>

Perché ci piace B2Gold Corp?

Motivo 1. Domanda resiliente di oro e ambiente dei prezzi favorevole

B2Gold Corp. è impegnata nell’esplorazione e nella produzione di oro a livello globale. Dispone di tre miniere operative: in Mali (Fekola), nelle Filippine (Masbate) e in Namibia (Otjikoto). Inoltre, la società possiede una quota non operativa nel progetto Calibre in Nicaragua. Inoltre, ha un portafoglio di altri progetti in fase di sviluppo ed esplorazione in diversi paesi, tra cui Canada, Colombia, Mali, Finlandia e Uzbekistan. Il fatturato di B2Gold è interamente rappresentato dalle vendite di oro, quindi le prestazioni complessive della società dipendono dalle condizioni del mercato dell’oro.

La domanda di oro è tipicamente fornita da diversi settori chiave:

  • Gioielli. I gioielli rappresentano uno dei componenti principali della domanda di oro, con una quota del 46,6% nella domanda totale nel 2022. La domanda di gioielli è influenzata da una combinazione di fattori culturali, economici e sociali, con India, Cina, Stati Uniti e Medio Oriente storicamente che sono i mercati dei gioielli più grandi e significativi.
  • Investimenti. Questa categoria copre la domanda di lingotti e monete d’oro, nonché investimenti in fondi negoziati in borsa (ETF) basati sull’oro e altri strumenti finanziari legati all’oro. La categoria degli investimenti ha rappresentato il 23,9% della domanda totale di oro nel 2022. Spesso l’oro è considerato da molti come un bene rifugio e un copertura contro l’inflazione, nonché l’incertezza economica e geopolitica, che può aumentare la domanda di investimenti durante periodi di volatilità di mercato.
  • Banche centrali. La domanda di oro da parte delle banche centrali può variare in base a fattori economici e geopolitici. Di solito, le banche centrali detengono riserve d’oro come parte delle loro riserve di cambio per gestire la stabilità della propria valuta e diversificare i propri asset. Nel 2022, la domanda di oro da parte delle banche centrali è stata di 1.082 tonnellate, rappresentando il 23,0% della domanda globale nel 2022.
  • Tecnologia. L’oro è utilizzato anche in varie applicazioni tecnologiche, tra cui elettronica, prodotti ad alta tecnologia e odontoiatria. Tuttavia, la domanda industriale di oro è limitata a causa delle caratteristiche fisiche del metallo e rappresenta solo il 6,6% della domanda totale.
B2 Gold Corp
Dinamica della domanda globale di oro; fonte: elaborato da Freedom24.com

Nel periodo 2012-2019, nonostante le fluttuazioni nei segmenti, la domanda globale di oro è stata relativamente stabile, oscillando tra le 4.284 tonnellate e le 4.714 tonnellate. Durante la pandemia di COVID-19, l’industria dell’oro ha affrontato una forte diminuzione della domanda di gioielli, ma un rimbalzo è sembrato altrettanto forte. Di conseguenza, nel periodo 2020-2022, la domanda globale di oro è stata trainata principalmente dagli acquisti delle banche centrali, che sono passati da 255 tonnellate nel 2020 a 1.082 tonnellate nel 2022, aumentando di 3,2 volte, e dal recupero dell’industria dei gioielli ai livelli pre-pandemici. Allo stesso tempo, la domanda di investimenti è diminuita del 37,3% a 1.127 tonnellate a causa di minori investimenti in ETF.

Gli sviluppi recenti nel mercato dell’oro sembrano controversi ma comunque creano un ambiente favorevole. Nel primo semestre del 2023, la domanda globale di oro è stata inferiore del 6% anno su anno, a 2.062 tonnellate. La diminuzione è stata in gran parte spiegata dalle uscite dagli ETF dell’oro di quest’anno rispetto alle forti entrate all’inizio del 2022. Inoltre, la domanda di oro dal settore tecnologico è rimasta debole, attestandosi a circa 70 tonnellate per un secondo trimestre consecutivo.

B2 Gold Corp1
Dinamica trimestrale della domanda globale di oro; fonte: Gold Demand Trends Q2 2023

Altri segmenti, tuttavia, hanno mostrato dinamiche più positive. Nonostante il rallentamento nel secondo trimestre del 2023, la domanda di oro da parte delle banche centrali è rimasta forte, con acquisti record di 387 tonnellate nel primo semestre del 2023. Gli acquisti d’oro da parte delle banche centrali sono aumentati sia nei paesi emergenti che in quelli sviluppati. La Cina continua a vendere gradualmente i suoi titoli del Tesoro degli Stati Uniti, diversificando le sue riserve con l’oro. Nel luglio del 2023, la Banca Popolare Cinese ha aggiunto 23 tonnellate d’oro e ha consolidato così la sua posizione di maggior acquirente dell’anno (126 tonnellate). Nei primi sette mesi del 2023, la Cina ha aumentato le sue riserve d’oro totali del 6,3% a 2.136 tonnellate. Altri grandi acquirenti d’oro includono la Polonia e la Turchia. Tuttavia, su base annuale, la Banca Centrale della Turchia rimane un venditore netto (85 tonnellate) a causa delle intense vendite tra marzo e maggio, prima delle elezioni presidenziali, quando le autorità turche hanno avuto bisogno di sostenere la valuta nazionale. Inoltre, un investimento sano e una domanda di gioielli resistente hanno sostenuto il mercato. Nonostante i prezzi dell’oro elevati, il consumo del mercato dei gioielli ha registrato un modesto aumento del 3% anno su anno, a 476 tonnellate nel secondo trimestre del 2023. Gli investimenti in lingotti e monete d’oro sono aumentati del 6% anno su anno, a 277 tonnellate nel secondo trimestre del 2023, con la Turchia che è stata un importante motore di crescita. L’inflazione vertiginosa e la debolezza delle valute locali hanno contribuito ad aumentare la domanda in Turchia.

B2 Gold Corp2
Dinamica degli acquisti d’oro delle banche centrali; fonte: World Gold Council

Il prezzo dell’oro LBMA (benchmark chiave del mercato dell’oro calcolato dall’Associazione dei Mercati dell’Oro di Londra) nel secondo trimestre del 2023 ha registrato una media record di $1.976/oz, in aumento del 6% anno su anno e del 4% rispetto al precedente record nel terzo trimestre del 2020. La performance dell’oro è stata sostenuta da una combinazione di fattori, tra cui un dollaro statunitense relativamente stabile e tassi di interesse, copertura del rischio geopolitico e una domanda continua da parte delle banche centrali. La domanda di oro è stata anche sostenuta dalla volatilità di mercato nel primo semestre del 2023, specialmente durante la crisi bancaria in miniatura nel marzo del 2023.

B2 Gold Corp3
Prezzi medi trimestrali dell’oro LBMA; fonte: elaborato da Freedom24.com

La domanda e i prezzi dell’oro sono guidati da molti fattori, il che rende difficile fornire previsioni precise. Tuttavia, il World Gold Council definisce i seguenti scenari possibili:

Il mercato dell’oro potrebbe sperimentare una maggiore domanda di investimenti se le condizioni economiche peggiorano e aumenta il rischio di recessione. Sebbene i mercati si aspettino generalmente che la Fed degli Stati Uniti, la Banca Centrale Europea (BCE) e la Banca d’Inghilterra (BoE) aumentino ulteriormente i tassi di interesse di base, si ritiene che la fine del ciclo sia vicina e che sia seguita da un periodo di “attesa” sostenuto. Tuttavia, dato che gli effetti del ciclo di stretta monetaria fanno il loro percorso attraverso l’economia reale con un certo ritardo, le economie sviluppate potrebbero vedere ulteriori deterioramenti economici. Questi potrebbero essere causati da un aumento significativo dei fallimenti a seguito di varie conseguenze involontarie dell’ambiente ad alto tasso. Storicamente, tali periodi hanno portato a una maggiore volatilità dei mercati azionari e a delle correzioni, nonché all’appetito degli investitori per attività di alta qualità come l’oro.

Invece, un “atterraggio morbido” o una politica monetaria molto restrittiva potrebbero comportare disinvestimenti. Le aspettative di un “atterraggio morbido”, in cui si evita una recessione ma la politica monetaria rimane restrittiva, potrebbero creare ostacoli all’oro e comportare disinvestimenti. Ad esempio, gli ETF dell’oro hanno registrato uscite consistenti nel mese di giugno e le detenzioni d’oro sono diminuite nel corso dell’anno. Inoltre, considerato da molti come un asset di difesa, l’oro è comunque soggetto a disinvestimenti se prevale il sentimento generale ribassista e il panico nei mercati globali, portando a un totale “risk-off”. Ciò è accaduto nel marzo del 2020, all’inizio della pandemia di COVID-19.

Pertanto, è difficile prevedere quali fattori si svilupperanno a lungo termine. Secondo un sondaggio Reuters, gli analisti e gli operatori prevedono un prezzo medio dell’oro di $1.950/oncia nel terzo trimestre del 2023, $1.995/oncia nel quarto trimestre del 2023, $1.944,5 per l’intero anno 2023 e $1.988 nel 2024. Si tratta comunque di un livello record elevato, pertanto B2Gold è destinata a guadagnare slancio e beneficiare di un ambiente ad alto prezzo.

CLICCA QUI PER OTTENERE 30 GIORNI DI TRADNG GRATIS CON FREEDOM24

Idee di investimento è una sezione in collaborazione con Freedom24.com – Il centro analitico di Freedom Finance Analytical Center è stato nominato Best of 2020 da Global Banking & Finance Review.

Motivo 2. Depositi d’oro di classe mondiale nel distretto aurifero di Back River

B2Gold opera principalmente in Africa, Asia e Sud America, ovvero in giurisdizioni con elevati rischi politici, e possiede quote operative in tre miniere produttive:

  • Mina di Fekola (80% di partecipazione), una miniera di oro a cielo aperto situata a circa 40 km a sud della città di Kéniéba, in Mali.
  • Mina di Otjikoto (90% di partecipazione), una miniera a cielo aperto e sotterranea situata a circa 300 km a nord di Windhoek, la capitale della Namibia.
  • Mina di Masbate (100% di partecipazione), una miniera d’oro a cielo aperto situata vicino all’estremità settentrionale dell’isola di Masbate, a 360 km a sudest di Manila, la capitale delle Filippine.

L’azienda possiede anche una partecipazione non operativa del 25% in Calibre, che gestisce le miniere d’oro El Limon e La Libertad situate in Nicaragua, e diversi progetti di esplorazione in vari paesi, tra cui Canada, Mali, Finlandia e Uzbekistan.

Inoltre, B2Gold possiede altri due progetti di sviluppo: il progetto Gramalote in Colombia e il progetto Goose nel distretto aurifero di Back River in Canada. B2Gold ha recentemente acquisito la quota del 50% di AngloGold nel progetto Gramalote ed è diventato l’unico proprietario dell’attività. Attualmente, la dirigenza dell’azienda sta valutando diverse opportunità di sviluppo per massimizzare il ritorno del progetto agli azionisti. B2Gold è anche l’unico proprietario del progetto Goose del Canada, che è previsto entrerà in produzione nel primo trimestre del 2025.

B2 Gold Corp4
Il portafoglio di attività di B2Gold; fonte: B2Gold Factsheet

Fekola, un contributo significativo alla produzione complessiva di oro di B2Gold, rappresenta circa il 58% della produzione totale dell’azienda. Otjikoto è la seconda miniera più grande in termini di volume di produzione, con una quota del 19% sulla produzione totale. Seguono Masbate (17% della produzione) e Calibre (6% della produzione). Negli ultimi cinque anni, la produzione totale di oro dell’azienda si è mantenuta approssimativamente agli stessi livelli, variando tra 954.000 once e 1,047 milioni di once (Moz). Nel 2023, la dirigenza dell’azienda prevede una produzione d’oro di circa 1.000-1.080 Moz. Considerando le 529.557 once prodotte nel primo semestre del 2023, che corrispondono a circa il 51% dell’intervallo di previsione, l’azienda è probabile che raggiunga l’obiettivo annuale.

B2 Gold Corp5
Produzione annuale d’oro di B2Gold; fonte: B2Gold Factsheet

In un contesto di produzione d’oro lenta, B2Gold sta affrontando una diminuzione della base mineraria dell’oro a causa della vendita da parte dell’azienda della sua partecipazione operativa nel progetto Kiaka in Burkina Faso a West African Resources Ltd. e dei risultati di esplorazione infruttuosi che non hanno confermato le stime di riserve precedenti. Di conseguenza, la base mineraria totale dell’azienda, comprese le riserve probabili, nonché le risorse indicate e inferite, è diminuita del 23,6%, passando da 26,43 Moz a 20,20 Moz nel periodo 2020-2022.

B2 Gold Corp6
Base mineraria e volumi di produzione di B2Gold; fonte: elaborato da Freedom24.com

Nel 2023, la dirigenza di B2Gold ha deciso di intraprendere opportunità di crescita non organica. Nel aprile 2023, l’azienda ha completato l’acquisizione di Sabina Gold & Silver Corp. del valore di 824 milioni di dollari (in USD), il proprietario al 100% dei depositi d’oro situati nel distretto aurifero di Back River in Nunavut, Canada. Il distretto aurifero di Back River comprende cinque aree di riserva minerale con licenza situate su un tratto di 80 km. Il deposito più avanzato, Goose, ha ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni per la costruzione. Nel complesso, si stima che la base mineraria del distretto aurifero di Back River contenga 3,59 Moz di riserve probate e probabili (P&P), 6,32 Moz di risorse misurate e indicate (M&I) e 2,86 Moz di risorse inferite. Pertanto, ci si aspetta che questo deposito aumenterà la base mineraria totale di B2Gold del 63,2% a 32,97 Moz, compresa un aumento delle riserve P&P del 77,3% a 8,23 Moz.

Il progetto Goose è il primo ad entrare in produzione, con i seguenti parametri operativi previsti:

  • Superficie di licenza. Il progetto Goose copre una superficie totale di 229 km². La vasta area di licenza fornisce ampio spazio per le operazioni minerarie e le attività di esplorazione.
  • Metodo di estrazione. Si prevede che il progetto utilizzi sia metodi di estrazione a cielo aperto che sotterranei. Questo approccio duale consente l’estrazione efficiente dell’oro da varie formazioni geologiche.
  • Capacità di lavorazione. La capacità dell’impianto di lavorazione del progetto è fissata a 1,5 milioni di tonnellate di minerale all’anno (Mtpa). Ciò indica la capacità del progetto di gestire un notevole volume di minerale per l’estrazione dell’oro.
  • Grado di riserva mineraria. Il progetto Goose vanta un grado medio di riserva mineraria di 5,97 grammi di oro per tonnellata di minerale (g/t). Un tale alto grado lo posiziona tra i progetti auriferi non sviluppati di prima classe a livello globale, soprattutto se comparato con le miniere Fekola, Otjikoto e Masbate di B2Gold, che hanno rispettivamente gradi di 1,74 g/t, 1,90 g/t e 0,77 g/t.
  • Stima del recupero dell’oro. La stima del recupero dell’oro presso l’impianto di lavorazione è del 93,0%. Con i parametri pianificati, la produzione annuale d’oro del progetto Goose dovrebbe raggiungere circa 8,33 tonnellate, ovvero 0,27 Moz all’anno, aumentando la produzione totale di B2Gold del 26,0%.
  • Avvio della produzione. B2Gold prevede che il progetto Goose inizierà la produzione d’oro nel primo trimestre del 2025. Attualmente, sono in corso i lavori di costruzione dell’infrastruttura presso il deposito.
  • Spese di capitale. Dopo lo studio di fattibilità del 2021, le spese di capitale iniziali sono state aggiornate e a causa dell’inflazione, dei cambiamenti progettuali e dell’accelerazione dell’estrazione sotterranea, il costo totale del progetto è stimato a circa 890 milioni di dollari canadesi, un aumento del 45,9% rispetto alla stima del 2021.

Pertanto, il progetto Goose del Canada è un’impresa mineraria d’oro strategica e ad alto grado di proprietà di B2Gold. Con una vasta area di licenza, una combinazione di metodi di estrazione a cielo aperto e sotterranei, nonché una notevole capacità di lavorazione e un grado di riserva mineraria significativamente elevato, il progetto è ben posizionato per contribuire in modo significativo al volume di produzione totale di B2Gold.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU FREEDOM24.COM >>

Motivo 3. Attraente obiettivo di acquisizione in vista della prevista consolidazione del settore aurifero

Poiché i prezzi dell’oro si mantengono ancora a livelli record e i produttori d’oro stanno lottando con la sostituzione delle riserve organiche, tale ambiente crea opportunità per una nuova ondata di consolidamento nell’industria mineraria dell’oro. Il 2023 ha già visto diverse grandi acquisizioni nel settore:

  • Newmont Corporation, il più grande produttore d’oro al mondo, ha offerto 17 miliardi di dollari per acquisire il rivale Newcrest Mining Limited.
  • Agnico Eagle Mines del Canada e Pan American Silver Corp. hanno acquistato gli asset di Yamana Gold per 4,8 miliardi di dollari.
  • Agnico Eagle Mines ha pagato 10,4 miliardi di dollari per acquisire Kirkland Lake Gold.
  • BHP Limited ha acquisito OZ Minerals per 6,4 miliardi di dollari.
  • B2Gold ha acquistato Sabina Gold & Silver del Canada in un accordo del valore di 824 milioni di dollari.
  • L’ex amministratore delegato di Goldcorp Inc., Rob McEwen, ha acquisito una quota del 37,6% in un esploratore junior d’oro, Satori Resources.

Gli analisti e i dirigenti delle aziende minerarie si aspettano che le operazioni di fusione e acquisizione nel settore si intensifichino nei prossimi mesi. I depositi auriferi di classe mondiale situati nel distretto aurifero di Back River potrebbero diventare obiettivi attraenti per l’acquisizione da parte di altri produttori d’oro. Agnico Eagle Mines, il più grande produttore d’oro del Canada, è uno dei candidati più idonei per un tale accordo per due motivi. In primo luogo, la strategia dell’azienda ruota attorno alla conduzione di operazioni in nazioni con giurisdizioni sicure e prevedibili. In secondo luogo, Agnico ha un buon track record di operazioni sinergiche di fusione e acquisizione che hanno aiutato l’azienda a consolidare i suoi asset strategici nella cintura aurifera di Abitibi, situata tra Québec e Ontario. Dato che l’azienda ha già due attività operative (mina di Meliadine e progetto di Meadowbank) e un progetto di esplorazione (Hope Bay) in Nunavut, il distretto aurifero di Back River potrebbe rinforzare significativamente il portafoglio aurifero di Agnico nella regione.

B2 Gold Corp7
Proprietà aurifere di Nunavut; fonte: Assemblea generale annuale e speciale di B2GOLD

Inoltre, B2Gold gode di una solida posizione finanziaria. Al 30 giugno 2023, l’azienda aveva un debito totale di soli 55,6 milioni di dollari. Con un contante e investimenti a breve termine segnalati pari a 506,2 milioni di dollari, ciò si traduce in un debito netto negativo di -450,6 milioni di dollari. Ciò significa essenzialmente che B2Gold ha liquidità più che sufficiente per coprire i suoi obblighi di debito in sospeso. Inoltre, la stabilità finanziaria dell’azienda è sottolineata dalla sua spesa per interessi insignificante. Con un attuale rapporto di copertura degli interessi che si attesta su un impressionante 56,4x, B2Gold sta coprendo comodamente i suoi costi per gli interessi, dimostrando la sua capacità di gestire il debito in modo efficiente.

Queste solide metriche finanziarie consentono a B2Gold di distribuire dividendi stabili e elevati. L’azienda ha iniziato a distribuire dividendi nel 2019, e dal 2021 il dividendo per azione è rimasto a 0,16 dollari. Nonostante l’importo del dividendo per azione non sia cambiato, B2Gold ha aumentato il rapporto di distribuzione dal 40,6% nel 2021 al 68,5% nel 2022. Inoltre, a causa delle prestazioni del titolo, il rendimento del dividendo è cresciuto dal 4,06% al 4,40%. Con un dividendo dichiarato di 0,12 dollari per azione per i primi tre trimestri del 2023, B2Gold è destinata a raggiungere un rendimento del dividendo per il FY 2023 del 5,54% (in relazione al prezzo attuale delle azioni).

B2 Gold Corp8
Storia dei dividendi di B2Gold; fonte: elaborato da Freedom24.com

Pertanto, la solida posizione finanziaria di B2Gold aumenta la sua potenziale attrattività nel competitivo panorama delle fusioni e acquisizioni nel settore minerario dell’oro. Il solido bilancio dell’azienda e il notevole divario tra il suo debito e le riserve di contante lo rendono un attraente obiettivo di acquisizione per coloro che cercano di ampliare la propria presenza o sfruttare la stabilità finanziaria di B2Gold a beneficio reciproco. Di conseguenza, gli azionisti di B2Gold potrebbero ricevere un cospicuo premio in caso di sviluppi simili.

Rendimento finanziario

I risultati finanziari di B2Gold nei dodici mesi precedenti (TTM) possono essere riassunti come segue:

  • Il fatturato è aumentato a 1.929 milioni di dollari, un incremento del 11,4% rispetto all’anno fiscale 2022.
  • Il profitto lordo è salito del 24,2%, passando da 604 milioni di dollari nell’anno fiscale 2022 a 751 milioni di dollari nei dodici mesi precedenti, con un margine lordo che è salito dal 34,9% al 38,9%.
  • Anche l’utile operativo è cresciuto del 24,7%, arrivando a 644 milioni di dollari. Il margine operativo è aumentato dal 29,8% al 33,4%.
  • L’utile netto è aumentato del 21,7%, passando da 287 milioni di dollari nell’anno fiscale 2022 a 349 milioni di dollari nei dodici mesi precedenti. Il margine netto è leggermente aumentato dal 16,5% all’18,1%.

Questa migliorata performance è principalmente dovuta all’aumento del prezzo di realizzazione dell’oro e alla riduzione dei costi operativi ottimizzati, inclusi i costi delle vendite e delle spese generali, che sono aumentati solo del 4,5% e del 4,7% rispettivamente, rimanendo indietro rispetto all’incremento del 11,4% del fatturato.

B2 Gold Corp9
Dinamica dei risultati finanziari annuali; fonte: elaborato da Freedom24.com

Dal 2020, i flussi di cassa di B2Gold sono in calo. Il flusso di cassa operativo (FFO) ha raggiunto i 596 milioni di dollari nel 2022, rispetto a 951 milioni di dollari nel 2020, mentre il flusso di cassa libero (FCF) è sceso da 598 milioni di dollari a 198 milioni di dollari nello stesso periodo. Tuttavia, negli ultimi dodici mesi, queste metriche sono notevolmente migliorate, con un aumento del 28,0% per il FFO e del 23,3% per il FCF.

B2 Gold Corp10
Dinamica dei risultati finanziari annuali; fonte: elaborato da Freedom24.com

La performance finanziaria di B2Gold nel primo semestre del 2023 è la seguente:

  • Il fatturato è aumentato da 748 milioni di dollari a 944 milioni di dollari su base annua.
  • Il profitto lordo è cresciuto del 56,8% a 404 milioni di dollari.
  • Anche l’utile operativo è aumentato da 220 milioni di dollari nel primo semestre del 2022 a 347 milioni di dollari nel primo semestre del 2023.
  • L’utile netto è migliorato del 47,3% a 194 milioni di dollari nel primo semestre del 2023.
B2 Gold Corp11
Dinamica dei risultati finanziari a metà anno; fonte: elaborato da Freedom24.com

B2Gold mantiene un solido bilancio:

Il rapporto di leva finanziaria, definito come il rapporto tra il debito totale e l’attivo, si attesta all’1%, molto al di sotto della media del settore, che è compresa tra l’11% e il 24%.

Al 30 giugno 2023, il debito totale ammontava a 55,6 milioni di dollari, in calo rispetto ai 66,6 milioni di dollari di giugno 2022. Con segnalati disponibilità di cassa e investimenti a breve termine per 506,2 milioni di dollari, ciò comporta un debito netto negativo di 450,6 milioni di dollari al 30 giugno 2023.

L’ammontare degli interessi per i dodici mesi precedenti è aumentato leggermente del 5,4% a 11,42 milioni di dollari rispetto ai 10,84 milioni di dollari dell’anno fiscale 2022. Dato l’EBIT di 644,1 milioni di dollari nei dodici mesi precedenti, il rapporto di copertura degli interessi attuale è di 56,4x, dimostrando che B2Gold è finanziariamente sano e in grado di finanziare il suo programma di investimenti e distribuire capitali agli azionisti.

Il flusso di cassa dalle operazioni è in calo dal 2020, ma nel 2023 l’azienda ha migliorato le performance, con un FFO del primo semestre del 2023 pari a 398,8 milioni di dollari, in aumento del 71,8% su base annua.

Valutazione delle azioni

B2Gold negozia a valutazioni inferiori rispetto alle medie delle aziende aurifere di media capitalizzazione: EV/Fatturato — 1,78x, EV/EBITDA — 3,19x, P/FFO — 5,13x, P/E — 11,33x. Questo sconto può essere spiegato dalla concentrazione delle attività operative in regioni politicamente instabili e dalle scarse volumi di produzione d’oro. Tuttavia, le recenti operazioni di fusione e acquisizione sono previste per migliorare le metriche operative. Combinato con flussi di cassa stabili e un alto rendimento dei dividendi, offre il miglior rendimento per unità di rischio assunto.

B2 Gold Corp12
Valutazione comparativa; fonte: elaborato da Freedom24.com

Poiché B2Gold è una società di media capitalizzazione, la copertura da parte delle banche d’investimento non è così ampia. Secondo gli ultimi aggiornamenti, il prezzo target minimo fissato da PI Financial Corp. è di 4,88 dollari per azione, mentre Scotiabank valuta B2Gold a 5,92 dollari per azione. Secondo il consenso di Wall Street, il valore di mercato equo delle azioni è di 3,90 dollari, con un potenziale rialzo del 33,1%.

B2 Gold Corp13
Obiettivi di prezzo delle banche d’investimento; fonte: elaborato da Freedom24.com

OTTIENI 30 GIORNI DI TRADING GRATUITO – CLICCA QUI >>

Rischi chiave

  • Le performance finanziarie dell’azienda possono oscillare ampiamente a causa dei prezzi delle materie prime volatili e imprevedibili. I prezzi dell’oro variano ampiamente e sono influenzati da numerosi fattori, tutti al di fuori del controllo dell’azienda.
  • B2Gold è influenzata dall’aumento delle pressioni inflazionistiche, particolarmente intense nelle giurisdizioni in cui opera l’azienda, causando un aumento dei costi del lavoro, dei materiali, dei reagenti e dell’energia. Questi costi costituiscono una parte significativa dei costi operativi nell’industria mineraria dell’oro.
  • Esistono rischi geologici che la base minerale dell’azienda potrebbe non riflettere il recupero futuro dei minerali. Riserve e risorse minerarie sono stime basate su recuperi dell’oro in test di laboratorio su piccola scala e potrebbero non essere indicative della mineralizzazione nell’intero giacimento. Inoltre, queste stime sono determinate in base a prezzi dei metalli, tassi di cambio e costi operativi presumibili.
  • Le operazioni principali e gli asset di B2Gold si trovano in Mali, Namibia, nelle Filippine e in Colombia, quindi le operazioni dell’azienda sono esposte a vari livelli di rischi e incertezze politiche, fiscali ed economiche che variano da paese a paese.

*Il capitale è a rischio. I risultati di investimento passati non garantiscono rendimenti futuri. La possibilità di fornire accesso a uno strumento finanziario specifico è soggetta a un test di adeguatezza.

*Si prega di considerare il materiale presentato come comunicazione di marketing, non viene fornito né inteso come servizio di “Consulenza sugli investimenti” né come servizio di “Ricerca sugli investimenti”.

*Questa idea di investimento è stata pubblicata su Freedom24.com – ti viene fornita nell’ambito del servizio accessorio di “Ricerca sugli investimenti e analisi finanziarie” in conformità alla Licenza 275/15.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading