Rottamazione cartelle 2019: proroga ci sarà? Scadenza resta oggi 30 aprile

I termini per aderire alla rottamazione delle cartelle Equitalia 2019 restano confermati anche se crescono le pressioni per ottenere una proroga visto l’alto numero di adesioni alla pace fiscale. Rottamazione TER e saldo e stralcio delle cartelle esattoriali, quindi, scadono oggi 30 aprile. Le ultime notizie confermano la scadenza e quindi, almeno per ora, non si può parlare di proroga e rinvio. Questo significa che per aderire alla rottamazione delle cartelle esattoriali ci sono ancora poche ore a disposizione. 

Non serve avere la sfera di cristallo per immaginare come anche oggi, come del resto è già avvenuto ieri, proseguirà l’assalto agli uffici dell’Agenzia delle Entrate. La normativa, infatti, stabilisce che la domanda di adesione alla rottamazione cartelle 2019 vada presentata o presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate o, in alternativa, online sul sito. Il problema è che anche il sito ieri è andato off-line a causa dell’elevato volume di accessi. Anche per questo motivo già da ieri si è parlato di necessità di arrivare ad una proroga dei termini per l’adesione a Rottamazione TER e saldo e stralcio cartelle. 

A fare pressioni per arrivare ad una proroga della scadenza dei termini di adesione è stato il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti (Cndcec) che, attraverso una serie di note, ha messo nero su bianco i tanti disagi che la corsa all’adesione ha comportato. Secondo i commercialisti ci dovrebbe essere una proroga di almeno 30 giorni sia della domanda di adesione alla rottamazione che del “versamento della prima o unica rata in scadenza il 30 aprile”. Le 5 ore in più che l’Agenzia delle Entrate ha concesso stabilendo un’apertura straordinaria degli uffici sabato 27 aprile, infatti, non sono servite a nulla anche perchè serve del tempo tecnico per ottenere le attestazioni ISEE da parte dell’Inps.

Rottamazione TER come funziona

La rottamazione TER delle cartelle consiste nel taglio di sanzioni ed interessi sulle cartelle stesse. Alla rottamazione possono aderire tutti i contribuenti italiani che presentano debiti affidati alla riscossione dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. La rottamazione TER è aperta anche a coloro i quali avevano aderito alle precedenti “rottamazioni” ma poi non avevano pagato. Chi aderisce alla rottamazione TER può pagare le somme dovute in forma agevolata, senza sanzioni e interessi di mora. Secondo alcune proiezioni ad aderire alla rottamazione TER dovrebbero essere non meno di 1 milione di contribuenti. 

Saldo e stralcio: la novità del 2019

Saldo e stralcio cartelle è uno dei provvedimenti cardine della cosiddetta pace fiscale 2019. In base alla normativa, possono aderire al saldo e allo stralcio quei contribuenti che dimostrano di essere in “grave e comprovata difficoltà economica”. Al saldo e stralcio possono inoltre aderire i contribuenti che presentano Isee del nucleo familiare inferiore ai 20 mila euro. Il saldo e stralcio funziona in questo modo: i beneficiari pagheranno i debiti fiscali e contributivi in forma ridotta. Più precisamente l’importo dovuto a titolo di saldo e stralcio sarà pari ad una percentuale compresa nel range tra il 16 al 35 per cento dell’importo dovuto già “scontato” da sanzioni e interessi di mora. Saldo e stralcio è applicabile sui debiti affidati alla riscossione tra l’1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017 generati dall’omesso versamento delle imposte dovute in autoliquidazione. A questo link le indicazioni su come funziona saldo e stralcio fino a 20mila euro. 

Rottamazione cartelle 2019 e saldo e stralcio: proroga ci sarà?

Le ultime notizie sulla possibile proroga di Rottamazione TER e saldo e stralcio 2019 fanno riferimento ad una precisa richiesta dei deputati di Fratelli d’Italia, Francesco Acquaroli, Marco Osnato e Felice Caracciolo, affinchè il governo emani un provvedimenti di proroga della scadenza. Il vicepremier Salvini si è detto possibilista non chiudendo a questa eventualità che sarebbe ovviamente ben gradita da contribuenti e commercialisti. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Macroeconomia

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.