Borsainside.com

Perchè il debito pubblico italiano è calato ad agosto 2019?

Perchè il debito pubblico italiano è calato ad agosto?
© Shutterstock

Il debito pubblico italiano ha registrato una flessione nel mese di agosto di 3,3 miliardi rispetto al mese precedente

Dopo una serie continua di rialzi, il debito pubblico italiano ha segnato nel mese di agosto 2019 un leggero ribasso. In termini quantitativi la flessione non è stata consistente (appena 3,3 miliardi di euro), ma il dato è comunque significativo poichè potrebbe anche essere il primo segnale di una inversione di tendenza. A rendere noto il nuovo dato sull'indebitamento pubblico italiano è stata la Banca d'Italia nel Bollettino "Finanza pubblica, fabbisogno e debito" relativo al mese di agosto 2019.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Venendo alle cifre, il debito pubblico italiano ad agosto si è attestato a quota 2462,6 miliardi di euro contro i 2465,9 miliardi di euro del mese di luglio. 

Ma a cosa è imputabile il calo del debito pubblico in Italia? La flessione è stata causata dalla riduzione di 5,3 miliardi di euro delle disponibilità liquide del Tesoro che dai 94,8 miliardi di fine luglio sono scese a quota  89,5 miliardi di euro di fine agosto 2019. Un anno fa, ossia ad agosto 2018, le disponibilità liquide del Tesoro erano pari a 65,1 miliardi di euro. La Banca d'Italia ha precisato che la flessione delle disponibilità liquide ha più che compensato il fabbisogno che è stato pari a 2,3 miliardi euro. Anche gli gli scarti e i premi all’emissione e al rimborso nonchè la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione dei tassi di cambio hanno impattato sull'andamento del debito pubblico. Secondo i dati della Banca d'Italia queste voci hanno ridotto il debito italiano nel mese di agosto 2019 di 0,4 miliardi di euro.

Per quello che riguarda la ripartizione per sotto-settori, dal bollettino "Finanza pubblica, fabbisogno e debito" diffuso dalla Banca d'Italia si apprende che il debito delle amministrazioni centrali ha segnato un ribasso di 3,2 miliardi di euro e quello delle ammninistrazioni locali di 0,1 miliardi di euro. Per finire Banca d'Italia ha fatto sapere che il debito degli enti di previdenza è rimasto invariato rispetto al mese di luglio. 

Per quello che riguarda le entrate tributarie nel mese di agosto 2019, esse sono state pari a 41,4 miliardi, in diminuzione del 5,3 per cento su base annua ossia nel confronto con agosto 2018.

Considerando i primi 8 mesi del 2019, le entrate tributarie sono ammontate a 277,2 miliardi di euro, in ribasso dell'1,1 per cento su base annua. Il calo delle entrare tributarie ad agosto 2019 è da imputare alla decisione del governo di prorogare all'autunno le scadenze per i versamenti in autoliquidazione dei contribuenti soggetti agli Indici sintetici di affidabilità fiscale ISA. 

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS