Fatturato e ordini industria Italia maggio 2020: attenzione a come si legge il dato

A metà mattinata i media hanno battuto la notizia relativa all’andamento di fatturato e industria in Italia nel mese di maggio 2020. La pubblicazione del dato macro era tra i market mover più importanti di oggi 17 luglio (eccezion fatta, ovviamente, per le decisioni del Consiglio Europeo sul Recovery Fund). 

Ebbene come è andata l’industria italiana nel mese di maggio 2020? Prima di analizzare i dati è bene inquadre in modo corretto l’intervallo temporale. Maggio 2020 è stato il mese in cui l’Italia è progressivamente uscita dal lockdown con le industrie che sono tornare in attività. Questo elemento è da tenere in debita considerazione quando si afferma che fatturato e ordinativi dell’industria italiana sono rimbalzati o che a maggio c’è stato un balzo dell’industria in Italia. Il rally c’è sicuramente stato ma è stato causato dal fatto che molte industrie, chiuse ad aprile, sono state riaperte e quindi sono tornate in attività a maggio grazie alla fine del lockdown. E’ questo il concetto da mettere in evidenza poichè in caso contrario si potrebbe pensare che l’industria italiana navighi nell’oro quando invece tutto il comparto industriale è in forte crisi a causa della pandemia di coronavirus. 

Dopo aver messo in evidenza questo aspetto possiamo ora passare ad occuparci dei dati. 

Fatturato e ordinativi industria maggio 2020 

Nel mese di maggio i due indicatori hanno segnato un forte rialzo rispetto al mese di aprile. Come comunicato dall’Istat, infatti, su base mensile il fatturato, al netto dei fattori stagionali, ha registrato un aumento del 41,9 per cento rispetto ad aprile. Rally su base congiunturale anche per gli ordinativi che a maggio sono saliti del 42,2 per cento dopo il crollo di aprile (quando la stragrande maggioranza delle aziende era chiusa). 

Fin qui il lato positivo dei dati macro sull’industria italiana di maggio. C’è poi il bicchiere mezzo vuoto che è rappresentato dal confronto con il mese di maggio 2019. Ebbene rispetto a un anno fa, il fatturato segna un calo del 25,9 per cento mentre gli ordinativi hanno messo in evidenza un calo del 34,7 per cento. Un disastro insomma del quale sembra prendere atto la stessa Istat che, nel fornire un commento ad dati macro sull’industria italiana, non può non affermare che se la forte flessione di aprile è stata quasi interamente recuperata, grazie alla fine del lockdown e alla riapertura delle industrie, mentre la perdita rispetto ad un anno prima resta ancora molto ampia. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Macroeconomia

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.