Calendario economico, dati PMI e verbali Fed in una settimana dominata dal COVID-19

Prende oggi il via una settimana discretamente intensa di eventi economici in ambito europeo e statunitense, anche se – come oramai avviene da diverso tempo a questa parte – il focus sarà incentrato sull’evoluzione della pandemia da COVID-19, con la positività del presidente Donald Trump che ha finito con il rendere ancora più incerta la tornata elettorale in programma per novembre.

Per quanto attiene i market mover da non perdere, oggi si comincia con alcuni dati macro dagli USA, che pubblicheranno nel pomeriggio (ora italiana) l’indice Markit PMI Composito e gli indici ISM, con il primo che – evidentemente – sarà in grado di impattare in misura più rilevante rispetto al secondo.

Anche domani, martedì 6 ottobre, la maggior parte degli spunti macro arriveranno dagli Stati Uniti: nel pomeriggio italiano prenderanno infatti il via le pubblicazioni sulla bilancia commerciale e, ancor più importante, il dato sui nuovi lavori JOLTs nella principale economia mondiale. I dati europei non sono di particolare rilievo, e fanno riferimento principalmente agli ordinativi delle fabbriche in Germania e ad alcuni dati di secondo piano nel Regno Unito.

È la giornata di mercoledì 7 ottobre che ci propone qualche spunto in più sul vecchio Continente. In Italia esce ad esempio il dato sulle vendite al dettaglio, mentre in Germania si attende, di primissima mattina, la pubblicazione del dato sulla produzione industriale lorda. Entrambi i dati (soprattutto il secondo, per i listini internazionali europei) potrebbero infondere un velato pessimismo, o meno. Di pomeriggio verranno pubblicati gli aggiornamenti sulle scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti e, soprattutto, i verbali dell’ultima riunione del FOMC, dai quali poter trarre degli spunti di rilievo su ciò che si è discusso nel meeting dello scorso mese.

Non tanti gli spunti offerti dalla giornata di giovedì 8 ottobre. Il dato del PIL giapponese non sembra essere in grado di muovere il mercato in misura significativa, mentre sarà sicuramente più importante ascoltare le dichiarazioni di policy monetaria da parte della BCE. Usciranno inoltre i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli USA.

Infine, si arriva alla giornata di venerdì 9 ottobre, dove per il nostro mercato il dato più importante sarà rappresentato dalla produzione industriale italiana.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Macroeconomia

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.