Tasso disoccupazione Eurozona, a novembre leggera diminuzione

disoccupazione

Nell'area euro il tasso di disoccupazione diminuisce in modo lieve nel mese di novembre.

Stando al comunicato dell’Eurostat, nel corso del mese di novembre il tasso di disoccupazione area Euro (Eurozona) è sceso all’8,3%, contro l’8,4% del mese precedente.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Il tasso è inferiore rispetto alle stime degli analisti, che invece si attendevano una crescita all’8,5%. Su base annua, il tasso risulta comunque essere sensibilmente superiore al 7,4% del novembre 2019.

Nel comunicato l’Eurostat sottolinea come 15,933 milioni di uomini e donne nell’UE, e 13,609 milioni nell’area euro, fossero disoccupati alla fine di novembre 2020, e che rispetto a novembre 2019 si registra dunque un incremento di 1,795 milioni, e di 1,425 milioni nell’area euro.

A novembre, conclude poi l’Eurostat, sono 3,171 milioni i giovani sotto i 25 anni che risultano disoccupati nell’Unione Europea, e 2,629 milioni nell’area euro. Il tasso di disoccupazione giovanile era così del 17,7% nell’UE e del 18,4% nell’area euro, in aumento rispetto al 17,5% e al 18,0%, rispettivamente, del mese precedente.

Cos’è il tasso di disoccupazione

Il tasso di disoccupazione è un indicatore statistico di grande importanza nella valutazione dello stato di salute di un’economia. Il suo obiettivo principale è quello di misurare l’evidenza di un eccesso di lavoro o di una domanda di lavoro, indicando di norma la percentuale della orza lavoro che non riesce a trovare un posto di lavoro.

In tal senso, il tasso di disoccupazione è dunque il rapporto tra le persone in cerca di lavoro e, al denominatore, la forza lavoro, dove per “forza lavoro” si intendono le persone che sono attualmente alla ricerca di un’occupazione (disoccupati) e quelli occupati.

Ecco spiegato perché, a volte, può succedere che il tasso di disoccupazione salga insieme al numero degli occupati: è questo il caso in cui ad un incremento dell’occupazione corrisponda anche un maggiore spostamento degli inattivi verso le persone in cerca di lavoro.

Sebbene non esista un tasso di disoccupazione prossimo allo 0%, né un livello “ideale”, il tasso di disoccupazione frizionale si attesta statisticamente intorno al 3-4%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS