Emergenti, rupia indiana cala la scorsa settimana: è giusto investire?

rupia

La rupia indiana è calata fortemente la scorsa settimana: conviene investire nella speranza di un rimbalzo?

CONDIVIDI

La rupia indiana e le obbligazioni del subcontinente sono diminuite fortemente dopo che il disavanzo delle partite correnti si è ampliato al massimo da cinque anni a questa parte, considerato che l’affanno dei mercati emergenti sta aumentando il livello di attenzione degli investitori sui Paesi con una bilancia dei pagamenti in deterioramento.

Sul finire della settimana la rupia è calata dell'1,3 percento, con un passo indietro record nel mese, a un minimo storico di 72,6735, in un clima di complessiva riduzione delle valute asiatiche. Le perdite si sono poi ridotte dopo che un funzionario del ministero delle Finanze ha dichiarato alla stampa che il governo potrebbe prendere provvedimenti, inclusa l'introduzione di un sistema di deposito per gli indiani presenti all’estero, al fine di arginare il selloff.

Come anticipavamo, i mercati emergenti hanno subito conseguenze negative il mese scorso, poiché i timori di contagio iniziano a diffondersi in modo sempre più consistente a seguito di un tracollo delle valute di Argentina e Turchia. Il divario tra le partite correnti dell'India si è allargato nel trimestre di giugno a $ 15,8 miliardi, penalizzato dai maggiori pagamenti per il petrolio.

“Oltre alla forza del dollaro che sta pesando sulle valute dei mercati emergenti, le preoccupazioni per il finanziamento di un più ampio deficit delle partite correnti stanno danneggiando anche la rupia", ha detto Paresh Nayar, responsabile dei mercati valutari e monetari di Mumbai a FirstRand Ltd. A questi livelli, resta da vedere se la Banca centrale indiana sosterrà o meno la valuta. Il rendimento dei bond di riferimento a 10 anni è salito di 8 punti base all'8,10%.

Il governo è consapevole del crollo della rupia e la Banca centrale è in grado di intervenire quando richiesto – ha affermato il funzionario del ministero delle Finanze, chiedendo di non essere identificato pubblicamente. La nazione dispone inoltre di ampie riserve in valuta estera e il governo può pensare a diversi modi per aumentare gli investimenti diretti esteri, ha poi precisato il funzionario.

Ricordiamo che il deficit delle partite correnti rappresentava il 2,4% del prodotto interno lordo, ben di più rispetto all'1,9% riscontrato nel trimestre gennaio - marzo, secondo i dati della Reserve Bank of India. Il deficit aumenterà probabilmente al 2,5 per cento del PIL per l'anno fiscale, a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime e dei deflussi di fondi, ha affermato Dhananjay Sinha, analista presso Emkay Global Financial Services, che si aspetta che la rupia si indebolisca ulteriormente fino a 75 per dollaro, con il rendimento del benchmark all'8,40%.

I fondi globali hanno per il momento venduto $ 601 milioni di obbligazioni indiane questo mese, più dei $ 459 milioni combinati che hanno negoziato a luglio e agosto. Preoccupazioni per l'eccesso di offerta di titoli di Stato, hanno dunque contribuito alla svendita all'inizio di quest'anno e, almeno per il momento, ci sono pochi segni di sollievo.

Il livello giusto per la rupia è di 68 - 70 per dollaro, ha detto il sottosegretario agli affari economici Subhash Garg al Economic Times.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro