Giappone, lo stimolo monetario non basta: ecco a cosa si sta pensando

Il Giappone ha recentemente varato un piano di stimolo economico da 1.100 miliardi di dollari. Un passo in avanti, compiuto ad aprile, che non ha precedenti nella storia del Paese asiatico e che – tuttavia – sembra non essere sufficiente.

Il governo – tramite il Ministero dell’Economia – ha infatti fatto sapere che sta valutando ulteriori iniziative per poter contenere le ripercussioni economiche della pandemia da coronavirus, e che dunque verranno presto annunciate nuove iniziative per fronteggiare la profonda recessione nella quale Tokyo sta inevitabilmente entrando.

Per il momento, non si hanno delle informazioni precise sulla natura di tali nuove misure di stimolo. Quel che è invece certo è che il governo guidato da Shinzo Abe è sotto pressione, sollecitato apertamente dai parlamentari della stessa coalizione che supporto l’esecutivo, che stanno stimolando azioni ancora più incisive in un contesto “nuovo” anche per un Paese, come il Giappone, storicamente abituato alle difficoltà. Il rischio più concreto è infatti che l’aver esteso lo stato di emergenza fino alla fine di maggio possa incrementare il numero di fallimenti e di disoccupati, rendendo la situazione dell’economia giapponese sempre più drammatica.

Per il momento, il premier Abe si è limitato ad affermare che sono allo studio nuove modalità per assistere e supportare le imprese con il pagamento di alcune spese ricorrenti (pare che il governo voglia pagare due terzi degli affitti per i prossimi sei mesi), come ad esempio i canoni di locazione, così come ferma è la volontà di aiutare gli studenti universitari che hanno perso il lavoro part-time a pagare le rette scolastiche.

Naturalmente, rimane pur sempre gravoso il problema del finanziamento del programma. Diversi parlamentari hanno chiesto al governo di stanziare un budget suppletivo, ma il Ministero delle Finanze ha spento i fuochi del facile entusiasmo, rammentando che ogni spesa aggiuntiva dovrebbe prima essere coperta dai 1.500 miliardi di yen di riserve stanziati nell’ambito del primo bilancio suppletivo.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borse Asiatiche

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.