eToro

Cina, ecco i suoi problemi per il prossimo anno e come impatteranno sul trading

cina

La Cina deve affrontare problemi spinosi che potrebbero condizionare il suo sviluppo nei prossimi 12 mesi: ecco i principali e cosa potrebbe accadere.

L’annuale evento East Tech West della CNBC ha fatto emergere alcuni temi particolarmente importanti sul futuro della Cina, con particolare riferimento alle preoccupazioni degli investitori sulla tenuta dello sviluppo dell’economia asiatica.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Proviamo a riassumere le principali.

La stretta tecnologica

Nel novembre 2020 la maxi offerta pubblica iniziale del gigante fintech Ant Group è stata sospesa. In seguito, Pechino ha introdotto una serie di nuove regole per il settore, e una legge rafforzata sulla protezione dei dati. Sia il gigante dell'e-commerce Alibaba che la società di consegna di cibo Meituan hanno affrontato multe antitrust piuttosto severe.

L’avverso scenario ha pesato molto sui big del web cinese, con le azioni di Alibaba che ad esempio hanno perso il 41% da un anno all'altro.

Gli investitori si domandano oggi se la Cina introdurrà altri regolamenti (e in quali aree), quali aziende potrebbero essere prese di mira la prossima volta e cosa significa tutto questo per la crescita del settore tecnologico in Cina.

I semiconduttori

La continua rivalità tecnologica tra Stati Uniti e Cina ha aggiunto urgenza alla spinta di Pechino per una maggiore autosufficienza in una varietà di settori. Uno di questi è quello dei semiconduttori, che sono fondamentali per la stragrande maggioranza dei settori, dalle automobili ai telefoni cellulari.

Tuttavia, la Cina sta lottando per raggiungere gli Stati Uniti e altri Paesi, e questo a causa della complessità della catena di approvvigionamento dei semiconduttori, che è dominata da aziende straniere. Le aziende globali dominano gli strumenti più avanzati e le attrezzature necessarie per la produzione di chip di fascia alta, e le sanzioni statunitensi hanno negato alla Cina l'accesso ad alcuni di questi strumenti.

Il modo in cui la Cina promuoverà la sua industria nazionale di chip di fronte a questi ostacoli è un grande dibattito in corso.

La tecnologia di frontiera

Nel suo piano di sviluppo quinquennale Pechino ha identificato alcune aree definendole come "tecnologie di frontiera", come l’intelligenza artificiale e i viaggi spaziali.

La Cina ha fatto notevoli progressi nello spazio, compreso il lancio della propria stazione spaziale. E ha l'ambizione di inviare la sua prima missione con equipaggio su Marte nel 2033. Quando si tratta di intelligenza artificiale, i giganti della tecnologia cinese, da Baidu a Tencent, stanno inoltre investendo molto, e tutto lascia presagire che il Paese farà di tutto per sostenere tali segmenti.

I veicoli elettrici

Un'altra area su cui la Cina sta enfatizzando - e che gli investitori conoscono bene - sono i veicoli elettrici. L'industria fa parte della sua spinta a ridurre le emissioni e l'impegno a diventare carbon neutral entro il 2060.

Per diversi anni, il governo cinese ha sostenuto lo sviluppo dei nuovi veicoli energetici attraverso sussidi e altre politiche favorevoli. Una condizione che ha portato decine di migliaia di aziende a entrare nell'industria, anche se molte non hanno mai prodotto una sola auto, almeno per il momento.

Circa 1,1 milioni di veicoli elettrici sono stati venduti nella prima metà di quest'anno, quasi quanti ne sono stati venduti in tutto il 2020, secondo la società di ricerche di mercato Canalys. In tale scenario, la Cina è il più grande mercato di veicoli elettrici al mondo. Questa crescita ha attirato molti nuovi giocatori con un background tecnologico. Per esempio, Xiaomi, che è nota per gli smartphone, si aspetta di produrre in massa i propri veicoli elettrici nella prima metà del 2024, mentre il gigante della ricerca Baidu ha istituito il proprio business di auto elettriche con la casa automobilistica cinese Geely.

Il rallentamento economico della Cina

Concludiamo infine con un richiamo al fatto che i big cinesi della tecnologia devono anche fare i conti con il rallentamento dell'economia cinese.

Una serie di fattori, tra cui carenze di energia e gli sforzi per frenare l'espansione alimentata dal debito nel settore immobiliare, si sono aggiunti ad altre sfide economiche, come la fiacca spesa dei consumatori. Una considerazione che sta inoltre iniziando a filtrare nei risultati finanziari aziendali, con Alibaba ha tagliato la sua guida alle entrate per l'anno fiscale in corso.

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che è possibile prendere posizione sulla Cina attraverso numerosi strumenti finanziari e diversi sottostanti mediante un broker al top del mercato come FPMarkets (sito ufficiale), che mette a disposizione di tutti i suoi trader anche un conto demo che potrà essere utilizzato per impratichirsi un po' sul trading online sui mercati internazionali.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato