app pagamenti digitali

La Cina sarà la leader mondiale dei pagamenti digitali in Europa. La strada è oramai tracciata da tempo e, per forza di cose, avrà un impatto anche sul resto del mondo, a partire dall’Europa.

Tuttavia ci sono alcune importanti differenze tra la diffusione dei pagamenti digitali in Cina e in Europa. La più importante riguarda il ruolo del passaggio intermedio dalle carte. Ebbene in Cina le carte hanno avuto scarsissima presa e quindi, nel giro di poco tempo, si è consumato un passaggio diretto dal contante ai pagamenti digitali. In Europa (e anche in Italia) lo step intermedio c’è invece stato. E qui la domanda diventa quasi inevitabile: come mai nella popolatissima Cina (i cinesi sono oramai oltre 1,4 miliardi di abitanti vale a dire il 20 per cento della popolazione globale), le carte non si sono mai diffuse?

Per rispondere a questo interrogativo è necessario riavvolgere il nastro e tornare al 2000. Fu all’alba del nuovo millennio che Cina ed Europa presero due strade diverse. Mentre nel Vecchio Continente muovano i primi passi le carte, in Cina il loro sviluppo venne stroncato sul nascere dall’irruzione sulla scena di Alipay, il colosso fondato dal miliardario Jack Ma che sarebbe poi diventato il primo player dei pagamenti digitali.

Inizialmente Alipay era nato per facilitare i pagamenti digitali sulla piattaforma e-commerce Taobao ma nel giro di poco tempo Alipay era già un’app per poi diventare nel 2011, un sistema di pagamento verso terze pari. La crescita di Alipay è stata inarrestabile e nel giro di pochi anni la società si è imposta come uno dei principali players nel segmento di mercato dei servizi per i pagamenti digitali in Cina, nonostante l’agguerrita concorrenza di WeChat, la famosa app sviluppata e distribuita da Tencent.

Insomma, come hanno poi messo in evidenza molti analisti, in Cina è saltata una generazione finanziaria (quella delle carte) che invece in Occidente è nata e si è sviluppata.

Perchè è fondamentale prendere coscienza di questo passaggio? Semplicemente perchè solo in questo modo è possibile capire ciò che attende il futuro.

Quindi per tracciare delle previsioni sull’andamento del mercato dei pagamenti digitali in Europa, non si può prescindere dall’analisi delle tendenze che si sviluppano in Cina.

Le 3 app per pagamenti digitali più popolari in Cina

Stando alle ultime rilevazioni, le tre app per pagamenti digitali più popolari in Cina sono Alipay, WeChat e, più distanziata, UnionPay. Alipay, quindi, è arrivata per prima ed ha mantenuto e consolidato il suo primato in tutti questi anni. Stando ad un recente sondaggio sui metodi di pagamento usati nell’anno precedente a quello della domanda, il 93 per cento degli intervistati hanno usato almeno una volta Alipay, l’86 per cento WeChatPay e il 43 per cento UnionPay.

E adesso vediamo, brevemente, quali sono le tre caratteristiche più importanti delle tre big cinesi dei pagamenti digitali. Partiamo, ovviamente, dalla società da cui è partito tutto: Alipay.

Alipay

Alipay offre agli utenti la possibilità di effettuare pagamenti digitali in vari contesti, inclusi negozi fisici, negozi online, trasferimenti di denaro peer-to-peer e servizi di pagamento per le bollette. È diventato uno dei principali metodi di pagamento in Cina, sia online che offline.

Il funzionamento di Alipay si basa su una combinazione di tecnologie digitali e infrastrutture finanziarie.

Per effettuare un pagamento in un negozio fisico, l’utente può scansionare un codice QR generato dal negozio stesso utilizzando l’app Alipay sul proprio smartphone. L’importo viene prelevato dal conto Alipay dell’utente e trasferito al negozio. Invece per effettuare pagamenti online è sufficiente selezionare Alipay come opzione di pagamento durante il checkout e autorizzare la transazione tramite l’app Alipay.

Una delle ragioni del successo di Alipay è la possibilità di inviare denaro ad altri utenti di Alipay in modo semplice e veloce utilizzando l’opzione “trasferisci denaro” nell’app. È sufficiente inserire il numero di telefono o l’ID dell’utente destinatario e quindi specificare l’importo da inviare. Tutto è molto semplice ed è appunto grazie a questa semplicità se Alipay è riuscita ad svolgere un ruolo importantissimo nella promozione dell’inclusione finanziaria in Cina, fornendo un accesso più ampio ai servizi finanziari per le persone che tradizionalmente non avevano accesso al sistema bancario.

WeChatPay

WeChat Pay è un servizio di pagamento mobile offerto dall’applicazione WeChat, sviluppata da Tencent. L’integrazione tra WeChatPay e WeChat è completa nel senso che gli utenti possono usare il servizio senza dover passare ad altre app o piattaforme. Oltre ai pagamenti, WeChat Pay offre anche una serie di servizi finanziari aggiuntivi, come la gestione dei conti, la ricarica del telefono e soprattutto investimenti e trading.

Per pagare con lo smartphone usando WeChat Pay, è anzitutto necessario scaricare l’app WeChat e creare un account. Nel corso della registrazione, l’account WeChat va collegato ad un metodo di pagamento personale ad esempio un conto corrente. Ovviamente la procedura di verifica prevede l’invio di documenti ufficiali, come un documento di identità, al fine di garantire la sicurezza e prevenire le frodi.

Per effettuare un pagamento in un negozio fisico, l’utente può visualizzare un codice QR generato dal negozio stesso utilizzando l’app WeChat. L’autorizzazione al pagamento avviene scannerizzando il codice QR con l’app WeChat. L’importo viene trasferito dal conto WeChat Pay dell’utente compratore al negozio.

Per quello che riguarda i pagamenti online, invece, WeChat Pay è accettato come metodo di pagamento su numerosi siti web, piattaforme di e-commerce e servizi online. In questo caso è necessario semplicemente selezionare WeChat Pay come metodo di pagamento durante il processo di checkout e autorizzare la transazione attraverso l’app WeChat.

Pe finire, WeChat Pay permette agli utenti di inviare denaro ad altri utenti di WeChat. Il sistema è quello del peer-to-peer. In pratica è sufficiente selezionare un contatto, specificare l’importo da trasferire e dare invio.

WeChat Pay utilizza tecnologie di crittografia avanzate e metodi di autenticazione, come l’autenticazione biometrica e l’invio di codici di verifica tramite SMS. Inoltre è presente anche un sistema di protezione delle transazioni e c’è la possibilità di richiedere rimborsi e risolvere controversie.

Oggi WeChat Pay è molto popolare in Cina dove svolge un ruolo di primo piano nella crescente diffusione dei pagamenti digitali.

UnionPay

La terza app per pagamenti digitali più usata in Cina è UnionPay che però, come abbiamo accennato in precedenza, è nettamente staccata dalle prime due della classe.

UnionPay è un sistema di pagamento e una rete di carte di credito e debito con sede in Cina. È l’unico emittente autorizzato dalle autorità di Pechino. Fondata nel 2002, UnionPay è stata creata con l’obiettivo di fornire un sistema di pagamento nazionale e internazionale per i cittadini cinesi. A partire 2017 è stata lanciata anche un’app per i pagamenti. Per poterla usare è necessario collegare ad essa la propria carta UnionPay. Uno dei vantaggi del sistema è che con l’app UnionPay si può pagare in tutto il mondo purchè l’esercente abbia un terminale POS che supporta questa forma di pagamento.

Le carte UnionPay si possono anche usare per effettuare pagamenti online su siti web e piattaforme di e-commerce. Per farlo è sufficiente selezionare nel processo di checkout, UnionPay come metodo di pagamento e quindi inserire i dettagli della carta per completare la transazione.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.