Lira turca, come investire in un contesto di rischio e volatilità

lira turca

Per la lira turca una settimana tutta da seguire: ecco gli eventi da non perdere.

CONDIVIDI

Anche questa è stata una settimana intensa per la Lira turca, con la Turchia che ha attraversato (e sta attraversando) una serie di eventi “chiave”, in grado di aprire le porte anche a movimenti piuttosto drastici.

Ma come comportarsi in questo scenario?

In primo luogo, rammentiamo come sia passato solo un mese da quando una sorta di isterismo collettivo ha circondato l'economia turca determinando un peso negativo sulla bilancia dei pagamenti e inducendo l'implementazione di nuovi controlli sui capitali. Il governo turco e la banca centrale hanno reagito a tali turbolenze adottando delle misure che aiutino a calmare le vendite di TRY e stabilizzare i deflussi di capitali.

Le misure hanno certamente funzionato, anche se solo temporaneamente. Il cambio USD/TRY ha ad esempio recentemente siglato una serie di minimi più alti, cercando di cavalcare tecnicamente un trend rialzista. Le interruzioni di tendenza non implicano automaticamente un imminente collasso dei prezzi, ma segnalano un cambiamento nel comportamento degli operatori di mercato, con i venditori che hanno una miglior voce in capitolo.

Per quanto riguarda gli eventi in calendario Bloomberg per questa settimana, ci sono tre chiari rischi per i trader TRY: il PIL del secondo trimestre, la riunione della banca centrale turca e il saldo del conto corrente di luglio.

Di questi tre eventi, abbiamo soprattutto bisogno di attirare la nostra attenzione sulla riunione della banca centrale di giovedì. Il tasso di "repo a una settimana" è effettivamente uno dei vari tassi di interesse che la banca centrale utilizza per gestire le condizioni finanziarie ed è questo tasso che la TRY potrebbe reagire aggressivamente se dovesse essere modificato.

Allo stato attuale, con un'inflazione pari al 17,90% e il tasso di repo a una settimana al 17,75%, la Turchia ha un tasso di interesse effettivo "reale" (o inflazionato) negativo. I tassi "reali" negativi sono una politica monetaria incredibilmente accomodante per qualsiasi banca centrale, per non parlare di un problema di inflazione e, in seguito, questa impostazione politica è una luce verde per i commercianti di rimanere a corto della lira.

Possiamo vedere dal calendario che il consenso, basato sui 23 economisti intervistati da Bloomberg, ritiene che la banca centrale turca potrebbe aumentare il tasso sui pronti contro termine di 3 punti percentuali (o 300 punti base) al 20,75%, con le aspettative degli economisti dal 25% al ​​17,75%.

Un aumento di 300 punti base (bp) è sicuramente una mossa incisiva, ma ci si domanda se sia sufficiente per stabilizzare completamente la lira a lungo termine. Il sospetto è… che non lo sia, e che la banca centrale avrebbe forse bisogno di aumentare di 500 punti base per inviare un messaggio forte che assumerà una posizione molto più dura sul suo problema di inflazione, cosa che sosterrebbe la lira a lungo termine dato che sarebbe scoraggiare i deflussi di capitali.

Se la banca centrale non soddisfa le aspettative del mercato e aumenta di meno di 300 punti base, il cambio con il dollaro dovrebbe in teoria accelerare, superando i livelli recentemente visti e probabilmente anche i massimi di agosto. Tuttavia, se l’aumento è per un importo verso la fascia più alta dell'intervallo allora USD/TRY potrebbe collassare.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro