Borsainside.com

Mercati emergenti: saranno loro a guidare la ripresa post coronavirus?

emergenti

Secondo alcuni analisti conviene investire negli emergenti: potrebbero essere loro la nuova locomotiva dopo il COVID-19.

I mercati emergenti sono stati duramente impattati dalla crisi pandemica da COVID-19 ma… potrebbero essere proprio loro a rendersi protagonisti della ripresa una volta che il peggio sarà passato.




✅ Unisciti alla rivoluzione del social trading di eToro. Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™. (sistema brevettato da eToro), ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders. Ottieni un conto Demo gratuito con 100.000€ di credito virtuale su eToro >>

A sostenerlo sono, in particolar modo, gli analisti di Aberdeen Standard Investments, secondo cui nonostante questa crisi di mercato ricordi da vicino quella del 2008, in realtà la volatilità potrebbe offrire agli investitori al ungo termine l’opportunità di aprire posizioni in società a elevata qualità, che siano contraddistinte da buone valutazioni e che siano in grado di beneficiare delle attuali condizioni di mercato.

Leggi anche: Come investire i risparmi senza rischi: soldi in sicurezza

Perché conviene investire sugli emergenti

Secondo gli analisti, sono almeno 5 gli elementi che dovrebbero rendere promettente l’investimento nei mercati emergenti:

1) Politiche monetarie accomodanti, con due terzi delle banche centrali di tali macro aree che ha già adottato tagli dei tassi di interessi. Il quantitative easing dovrebbe produrre effetti sugli asset per almeno 8 mesi;

2) Forte azione dei governi alle richieste di liquidità. I bilanci dei Paesi emergenti, nella situazione pre-crisi, era sufficientemente solida da far ben sperare nella ripresa… della ripresa. Anche alcuni programmi di riforme, come quello di Bolsonaro in Brasile, potrebbero andare nella stessa direzione;

3) Gestione dei rischi per l’economia globale che, pur elevati, potrebbero comunque produrre effetti sul lungo termine sul PIL globale non catastrofici;

4) Crescita strutturale intatta, grazie a una classe media in crescita, il ricorso a una crescente digitalizzazione e a un’urbanizzazione che non si è arrestata;

5) Visione inalterata sui mercati emergenti da parte dei principali gestori, con l’incremento del gap di crescita tra gli emergenti e i Paesi sviluppati che è stato solo rinviato.

Leggi anche: Come gestire la volatilità dei mercati con il CFD Trading

L’importanza di non sottovalutare i rischi

Molti altri analisti si soffermano tuttavia più sull’importanza di non sottovalutare i rischi. Per Flossbach von Storch Research Institute, ad esempio, le economie dei mercati emergenti si trovano di fronte a uno shock di proporzioni storiche, e senza una rapida ripresa della domanda globale (che non ci sarà nel brevissimo termine, considerato che Europa e USA sono ancora in isolamento), quel che accadrà è che Fondo monetario internazionale e Banca mondiale saranno costrette a iniettare fondi utili per aiutare le economie dei mercati emergenti.

Per gli analisti di Pictet Asset Management, tutto dipenderà dalla politica fiscale. Gli occhi vengono dunque puntati sulla Cina, il primo Paese a entrare in crisi epidemica, e il primo che sta cercando di uscirne fuori. Qui il governo sta aiutando i settori economici più colpiti e sta dando priorità alle spese per le infrastrutture. Non è ben chiaro, però, se tutto questo possa o meno bastare.

Leggi anche: Come investire sulle quotazioni di Borsa attraverso il CFD Trading

Come investire in mercati emergenti

Concludendo questo breve spunto, rileviamo come i gestori dei fondi sui mercati emergenti stiano puntando molto su temi strutturali di lungo periodo, come:

  • tecnologia: digitalizzazione, internet of things, 5G, ecc;
  • finanza: fintech e altri cambiamenti in atto;
  • sanità;
  • infrastrutture.

Lo strumento utile per investire in questo momento potrebbe essere quello dei fondi azionari mercati emergenti. Questi i tre fondi che stanno fornendo il miglior rendimento a un anno (tra parentesi il rendimento a tre anni):

  • Capital Group Emerging Markets Growth Fund (LUX) Xd: 26,85% (9,06%)
  • Lo Funds Emerging Equity Factor Enhanced (usd) Classe R: 7,41% (1,91%)
  • BNP Paribas Emerging Equity Classe Classic Usd Acc: 0,07% (8,24%)

Ricordiamo a tutti i nostri lettori interessati che il miglior modo per poter investire in mercati emergenti è quello di usare la piattaforma di trading di un broker abilitato.

Vogliamo oggi consigliarti, in tal proposito, eToro (qui trovi la nostra recensione): si tratta di un broker regolamentato e affidabile che, peraltro, grazie al suo servizio di copytrading di fornisce anche la possibilità di investire… copiando quello che fanno i trader più esperti della propria community.

Il servizio di eToro è anche testabile in maniera demo, sempre gratis:

CLICCA QUI PER APRIRE UN CONTO DI TRADING CON ETORO (SITO UFFICIALE)

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS