eToro

Lagarde annuncia: entro 10 giorni le nuove linee guida BCE

bce

La BCE varerà nuove linee guida nella riunione del board fissata per il 22 luglio 2021

Novità in arrivo dalla BCE. Dopo aver modificato i target di inflazione la scorsa settimana (ora non più tendenti al 2%, ma al 2%), Christine Lagarde ha preannunciato l’intenzione di effettuare altri ritocchi alle linee guida per la politica economica BCE.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Parlando a Bloomberg, la presidente della Banca Centrale Europea ha infatti specificato come entro 10 giorni, e dunque nella riunione in programma giovedì 22 luglio 2021, il board dell’Eurotower metterà a punto una nuova guidance sugli stimoli monetari.

Naturalmente, niente si sa delle reali intenzioni di Lagarde, che si è limitata ad affermare che sarà un incontro molto importante. La numero 1 della BCE si è poi detta cautamente ottimista sulla ripresa economica, che potrebbe essere rallentata dalle varianti del virus. Proprio per questo motivo non sono per il momento previsti dei rallentamenti con il ritmo di acquisto del Pepp e, anzi, viene confermata con decisione la determinazione a mantenere favorevoli le condizioni di finanziamento dell’economia nell’Eurozona, in un’ottica di grande flessibilità.

Ricordiamo che attualmente le linee guida della Banca Centrale Europea prevedono che Francoforte mantenga bassi tassi di interesse fino al momento in cui la previsione sull’inflazione convergerà in modo robusto verso il target, che proprio la scorsa settimana è stato rivisto da sotto ma vicino al 2% nel medio termine, al 2% nel medio termine.

Se dunque nel breve periodo non dovrebbe cambiare granché, l’incertezza rimane nel medio termine, ovvero dopo il mese di scadenza del piano di acquisti Pepp (marzo 2022). Per il momento le ipotesi sembrano essere numerose, come quella dello scenario centrale, la conferma di un approccio flessibile anche dopo questo termine. Per gli analisti di HSBC, in particolare, la soluzione più probabile è quella di sfruttare lo strumento App incrementando il ritmo di acquisti da 20 a 40 miliardi di euro da aprile 2022.

Molto dipenderà dal coronavirus. Se le varianti del Covid-19 dovessero farsi più aggressive, è probabile che Pepp possa essere prolungato ulteriormente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X