Unicredit: meglio comprare o vendere azioni con previsioni sulla trimestrale?

Unicredit: meglio comprare o vendere azioni con previsioni sulla trimestrale?
© Shutterstock

Unicredit, in previsione dell'approvazione dei conti trimestrali, ha diffuso il consensus: ecco cosa attendersi

CONDIVIDI

La quotazione Unicredit da oggi fino al prossimo mercoledì 9 maggio potrebbe subire variazioni di prezzo e diventare così una ghiotta occasione di trading. Il prossimo 9 maggio è infatti in programma il consiglio di amministrazione per l'approvazione dei conti trimestrali della banca. In attesa di conoscere quali sono stati i risultati di Unicredit nel primo trimestre 2018, la banca ha comunque già fornito un aggiornato consensus. Si tratta di previsioni sulla trimestrale Unicredit che sono utili per impostare una strategia di trading, anche attraverso i CFD, sulle azioni Unicredit per le prossime sedute. In sintesi, quindi, conviene comprare o vendere azioni Unicredit in vista della trimestrale? Le previsioni sui conti del primo trimestre vengono in aiuto. 

Secondo un consensus raccolto dalla banca tra 24 broker italiani e esteri, il periodo di riferimento dovrebbe chiudersi con un utile netto pari a 766 milioni di euro al di sotto dei 907 milioni di euro contabilizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Più nel dettaglio la previsione minima sull'utile netto trimestrale di Unicredit è pari a 563 milioni di euro mentre quella massima fa riferimento a 933 milioni di euro. Per quello che riguarda le altre voci, il margine di intermediazione di Unicredit nel primo trimestre 2018 è visto a 4,96 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 4,8 miliardi di un anno fa e il risultato di gestione è previsto a 1,49 miliardi di euro. 

Il consensus di Unicredit non fornisce solo spunti su come posizionarsi sul titolo da oggi fino alla pubblicazione della trimestrale ma anche indicazioni su come investire in azioni Unicredit nel più lungo termine. Le previsioni sull'intero esercizio 2018 fornite sempre dalla banca sono un utile indizio per impostare strategia di investimento, anche attraverso il trading di CFD, sul più lungo termine. In relazione all'intero 2018, il consensus vede un utile netto pari a circa 3,63 miliardi di euro, una previsione migliore rispetto a quella dei mesi scorsi che faveva riferimento ad un utile netto pari a 3,58 miliardi di euro. Più nel dettaglio la previsione peggiore fa riferimento ad un utile 2018 pari a 3,08 miliardi mentre quella migliore ad un utile pari a 4,02 miliardi di euro. Sulla base dell'utile 2018 medio indicato dal consensus, l'utile per azione dovrebbe collocarsi a quota 1,63 euro, rispetto agli 1,6 euro stimati in precedenza. Per poter esprimere un giudizio complessivo si ricordi che Unicredit nell'esercizio 2017 aveva registrato un utile netto adjusted pari a 3,7 miliardi di euro. Per quello che riguarda le previsioni sulle altre voci di bilancio nell'esercizio 2018, il margine di intermediazione di Unicredit dovrebbe salire da 19,6 miliardi a 19,84 miliardi di euro (19,7 miliardi la precedente stima).

Capitolo dividendo Unicredit 2019 relativo all'esercizio 2018. Secondo il consensus la banca dovrebbe distribuire una cedola pari a 0,37 euro per azione destinata a salire l'anno dopo a 0,69 euro per azione.  Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Sulla base di queste previsioni conviene investire o no in azioni Unicredit? Per rispondere a questa domanda si tenga anche presente che nell'ultimo mese il prezzo delle azioni Unicredit ha segnato una progressione del 3,8% mentre su base annua l'apprezzamento è stato del 14%. 

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro