L’Italia non è come la Grecia: è meglio o peggio?

L’Italia non è come la Grecia, si sono affrettati a ripetere dai banchi del governo, rigettando al mittente qualsiasi timore di default. Ma è meglio o peggio dei vicini ellenici?

A domandarselo ieri sulle pagine di Bloomberg è stato Mohamed A. El-Erian, che ha cercato di riassumere quel che è accaduto negli ultimi giorni, e quel che potrebbe succedere.

L’analista di Bloomberg rammenta innanzitutto come sebbene vi siano somiglianze tra i casi di Italia e Grecia, vi siano altresì delle differenze abbastanza importanti da suggerire che gli investitori in Italia dovrebbero concentrarsi su un diverso insieme di fattori rispetto a quelli che hanno condotto la Grecia per terra.

In meno di due settimane – leggiamo – lo spread sui BTP italiani a 10 anni è salito di circa 60 punti base fino a circa il 3%, per un livello mai visto dal 2014 a questa parte. Ciò si è naturalmente ripercosso sul mercato azionario italiano e, in misura minore, sulle altre piazze finanziarie europee e sull’euro.

L’Italia come la Grecia

A innescare l’allargamento degli spread è stato l’annuncio da parte del governo Conte di un obiettivo di deficit di bilancio che supera le linee guida dell’Unione Europea. Tale annuncio ha acceso i riflettori sul contesto in evoluzione (non semplice), che sarà contraddistinto anche dalla graduale riduzione degli acquisti di obbligazioni italiane da parte della Banca Centrale Europea, oltre a un elevato debito pubblico, alla presenza di alcune banche “instabili” e a una crescita economica ancora debole.

El-Erian sottolinea poi come le preoccupazioni del mercato sono state esacerbate da alcune osservazioni pubbliche “inutili”, e non solo da parte di politici italiani. Il riferimento è probabilmente al Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, che ha dichiarato in un’intervista pubblica che “dobbiamo fare di tutto per evitare una nuova Grecia – questa volta in ‘Italia”.

Il parallelo con la Grecia di qualche anno fa è comprensibile. I due casi condividono almeno tre importanti similitudini. Sul fronte del debito è presente un fragile mix di passività pubbliche consistenti rispetto al PIL, su quello dell’economia reale è presente un modello di crescita che ha ripetutamente fallito nel produrre una prosperità elevata e inclusiva, mentre su quello della politica l’emergere di movimenti anti-establishment preoccupa l’eccessiva politicizzazione della questione dell’appartenenza alla zona euro.

L’Italia NON è la Grecia

Ad ogni modo, l’approfondimento su Bloomberg ci ricorda come vi siano anche alcune importanti differenze che suggeriscono dinamiche diverse che governano la portata della minaccia sistemica nei due Paesi.

In particolare, a differenza della Grecia, l’Italia è una delle maggiori economie europee ed è un membro originario del progetto di integrazione economica europea. A causa delle sue dimensioni, il suo fabbisogno lordo di finanziamento in euro è considerevole rispetto alle reti di sicurezza regionali messe in atto per far fronte ai Paesi in difficoltà come – appunto – la Grecia. In quanto tale, un grosso problema con l’Italia costituirebbe una fonte di rischio sistemico molto più ampia e duratura, sia economicamente che finanziariamente. Non è esagerato dire che, se dovesse cadere, l’Italia potrebbe rappresentare una definitiva minaccia esistenziale per la zona euro.

Tuttavia l’Italia, a differenza della Grecia, non ha un deficit delle partite correnti (ha un surplus), e la durata media del suo debito in essere è più lunga e con minori concentrazioni. Con un minor rischio di default finanziario nel breve termine, il principale fattore determinante di possibili perturbazioni risiede dunque nelle dislocazioni derivanti dalla politica interna e regionale ed è questo, per El-Erian, il fattore più importante che gli investitori devono monitorare da vicino.

Insomma, ciò che effettivamente ha salvato l’adesione della Grecia alla zona euro è stata l’imminente minaccia di default. Temendo uno shock che avrebbe fatto precipitare l’economia in una depressione pluriennale, il governo Syriza aveva optato per un approccio ortodosso, in contrapposizione con la propria agenda politica. La speranza di molti investitori – così come di funzionari dell’UE, funzionari della BCE e di diversi responsabili politici nelle capitali europee – è che il governo italiano si comporterà in modo analogo, anche se il rischio di default immediato è inferiore…

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.