Perchè Borsa Italiana e le borse europee crollano? Non è solo colpa dello Spread BTP BUND

Se Borsa Italiana piange, le altre borse europee certamente non ridono. Questa frase sintetizza quello che si vede oggi sui mercati azionari della vecchia Europa. Da Madrid fino a Parigi e Francoforte passando ovviamente per Milano, sono le vendite ad imporre la loro dura legge. Il tentativo di rimbalzo che era stato avviato ieri dalle borse europee è stato vanificato e si è praticamemte già interrotto a distanza di 24 ore. Quando si verifica una situazione di questo tipo ed è evidente che non c’è continuità, è chiaro che i motivi che determinano la corsa a vendere azioni sono molto profondi e complessi. Talmente profondi che sia Borsa Italiana oggi che le altre borse europee sembrano completamente ignorare quanto avvenuto a Wall Street. La chiusura frizzante della Borsa Usa, infatti, viene quasi ignorata dalle borse europee. Il fatto che non ci sia effetto trascinatamento da parte dei mercati americani come invece dovrebbe esservi non è casuale. La prevalenza delle vendite sulle borse europee è attribuibile anche alle trimestrali deludenti che i colossi tech americani hanno diffuso ieri guardacaso dopo la chiusura delle contrattazioni a Wall Street. Per quello che riguarda gli Usa, quindi, Borsa Italiana e le altre borse europee sembrano tenere in considerazione soprattutto quello che è avvenuto dopo le contrattazioni di Wall Street e non durante. 

Mentre è in corso la scrittura del post, il Ftse Mib regista un calo dell’1,36 per cento a 18558 punti, il DAX tedesco è in calo dell’1,46 per cento a quota 11142 punti, il CAC40 francese (Borsa di Parigi) è in calo dell’1,87 per cento a quota 4939 punti e il britannico Ftse 100 perde l’1 per cento poco sotto quota 7000 punti. Per le borse europee è un bagno di sangue. 

La corsa a vendere non è solo causata dalle deboli trimestrali del settore tech americano (con molti analisti che sono tornati a parlare di possibile bolla dei tecnologici) o dalla guerra commerciale Usa Cina ma anche dalle tensioni tra UE e Italia. Ieri Draghi nel corso della conferenza stampa successiva al board Banca Centrale Europea sulle decisioni di politica monetaria, ha sottolieato l’importanza che lo spread BTP BUND, oramai stabilmente sopra quota 300 punti base, si abbassi in modo tale da non rendere necessarie operazioni di rafforzamento patrimoniale da parte delle banche (lo spread BTP BUND a 400 punti base sarebbe un disastro per le banche italiane), oggi 26 ottobre, dopo la chiusura di Borsa Italiana, è invece attesa la decisione di Standard and Poor’s sul rating sovrano italiano che attualmente è pari a “BBB”, con un outlook stabile. Appena una settimana fa Moody’s aveva tagliato di un notch la valutazione del merito di credito dell’Italia a “Baa3” con outlook stabile. Due le possibili strade che S&P ha davanti a se oggi: è possibile la conferma del rating e il peggioramento dell’outlook a negativo oppure il taglio del rating la conferma dell’outlook a stabile (come fatto una settimana fa da Moody’s). Sul Ftse Mib i titoli peggiori sono Saipem, Azimut Holding, Finecobank e UBI Banca. Cambio Euro Dollaro sempre sotto quota 1,14. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.