Voci di stampa sempre più insistenti affermano che Banca Popolare di Bari sia alla ricerca di un altro istituto operante nell’Italia del Sud con il quale fondersi. L’argomento “fusione Banca Popolare di Bari” non è affatto nuovo visto che da tempo si parla della necessità per l’istituto barese di procedere ad una integrazione per poter uscire dalla grave crisi in atto. Fatte le dovute proporzioni, la situazione della Banca Popolare di Bari oggi non è affatto diversa da quella dei due anelli deboli del sistema bancario italiano: Banca Carige e Banca MPS. Anche per la Banca Popolare di Bari c’è la necessità di fare presto anche perchè già nel corso del 2017 l’istituto, come ammesso dal management, ebbe una certa difficoltà a reperire le risorse finanziarie necessarie. 

La fusione di Banca Popolare di Bari non va comunque intesa come evento fine a se stesso ma bensì come parte integrante di un progetto di rilancio dell’iistituto barese che è molto più ampio. Secondo le indiscrezioni di stampa sul dossier, infatti, l’operazione che porterebbe all’integrazione con un altra banca del sud non presente su Borsa Italiana, dovrebbe partire dalla creazione di una holding cooperativa e una sub-holding. La prima continuerà ad avere la forma di una società mutualistica (come del resto è già attualmente) mentre la seconda avrà le caratteristiche di una società per azioni e sarà quindi una sorta di nuova Popolare di Bari. Ovviamente mentre gli NPL saranno conferiti nel solito veicolo ad hoc, gli asset sani verranno fatti confluire nella Spa. E’ i questa fase che si andrebbe ad inserire la fusione. Attraverso l’integrazione con un’altra banca, infatti, Banca Popolare di Bari potrebbe far affluire gli asset puliti nella citata sub-holding.

Lo schema del progetto per il rilancio di Banca Popolare di Bari attraverso una fusione è grossomodo questo. L’istituto barese già oggi riunisce il suo consiglio di amministrazione per esaminare le linee guida del piano indistriale. Il business plan definitivo verrà poi approvato a fine mese. E’ allora che sarà possibile avere delle indicazioni precise su piano anti crisi e dossier fusione. Il toto-nomi sulla banca del sud con cui Popolare di Bari si fonderà è già in corso. Per ora è certo che si tratterà comunque di una banca non presente su Borsa Italiana. 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.