Nell’ambito della cessione degli unlikely to pay, ossia delle inadempienze probabili, Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo non vincolante con Prelios che, secondo molti analisti, dovrebbe avere implicazioni decisamente positive per la banca guidata da Messina. L’accordo prevede la concessione a Prelios di un periodo di negoziazione esclusiva finalizzato alla possibile costituzione di una partnership strategica riguadante la gestione delle posizioni Utp.

La banca italiana ha precisato che l’eventuale perfezionamento delle opzioni e quindi la stipula di un accordo con Prelios, avverrà nel pieno rispetto dei target contenuti nel piano industriale 2018-2021 del gruppo bancario. Intesa Sanpaolo ha anche precisato che l’eventuale accordo non avrà alcuna influenza sulla partnership strategica avente ad oggetto i crediti in sofferenza già perfezionata con Intrum.

Secondo l’analisi condotta da Milano Finanza, l’analisi delle posizioni potrebbe entrare nella sua fase calda già il prossimo mese per poi concludersi a giugno. Per gli analisti di Equita non è acora chiaro se, a valle dell’operazione, possa o no essere presa in considerazione anche la vendita di una parte del portafoglio. Il quotidiano finanziario Milano Finanza ritiene verosimile la cessione di una prima tranche da 2-3 miliardi di euro. Gli altri 8-9 miliardi di euro, invece, dovrebbero restare sui libri di Intesa Sanpaolo e sarebbero gestiti da Prelios. 

Gli analisti della sim milanese sono dell’avviso che le ultime notizie arrivate da Intesa Sanpaolo confermino il fatto che le banche si stiano orientando verso una gestione maggiormente proattiva degli UTP. Partendo dda tale consapevolezza Equita ritiene che a partire dal 2021, il settore bancario potrebbe cedere fino a 72 miliardi di euro di ulteriori NPE. Nonostante il giudizio positivo espresso sull’operazione, Equita ha comunque confermato il rating hold e il target price a 2,6 euro sulle azioni Intesa Sanpaolo. Molto più ottimisti sono invece gli analisti di Fidentiis che hanno confermato il rating buy sulla banca guidata da Messina. Secondo gli esperti, ad oggi non è ancora possibile capire se se ci sarà o meno una vendita degli UTP da parte di Intesa Sanpaolo oppure una gestione degli UTP con l’ausilio di Prelios. 

Intanto mentre è in corso la scrittura del post, le azioni Intesa Sanpaolo sono in ribasso dello 0,4 per cento a quota 2,14 euro. Se anche oggi la seduta di Intesa Sanpaolo dovesse chiudersi in ribasso su Borsa Italiana, per la banca sarebbero ben cinque le giornate consecutive con il segn negativo. Il trend ribassista, però, non impatta sull’andamento del titolo su base mensile che resta positivo (+2.7 per cento). 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.