Trimestrale Unicredit da record: è miglior primo trimestre degli ultimi 10 anni

Le azioni Unicredit potrebbero segnare su Borsa Italiana oggi variazioni di prezzo anche significative a seguito della pubblicazione dei conti del primo trimestre 2019. Il fatto che la trimestrale Unicredit sia stata pubblicata nel premarket fa si che la prima reazione da parte degli inveestitori possa esserci direttamente in avvio di contrattazioni. 

E’ per questo motivo che è necessario capire da subito come posizionarsi sulle azioni Unicredit oggi. Andare long o andare short è una scelta di trading che è direttamente collegata al giudizio sui conti del primo trimestre 2019. Concretamente diventa essenziale esaminare i risultati ottenuti dalla banca guidata da Mustier che, già nelle scorse sedute, aveva fatto parlare di se alla luce della vendita di Fineco

A spiccare nella trimestrale Unicredit è il dato relativo all’utile netto. La banca ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di gruppo rettificato pari a 1,1 miliardi, in rialzo dell’1,5 per cento nel confronto con un anno fa. Per l’utile trimestrale Unicredit si è trattato del miglior primo trimestre degli ultimi dieci anni. Un record, quindi, che annulla il precedente primato che risaliva allo scorso anno. Ciò che si può evincere da queste indicazioni è molto chiaro: Unicredit si conferma banca capace di incrementare il suo utile. 

Variazione negativa, invece, per i ricavi che si sono attestati a quota 5 miliardi di euro con un ribasso del 3 per cento su base annua mentre i costi operativi hanno registrato una flessione a 2,6 miliardi alla fine del primo trimestre, il 4,2 per cento in meno nel confronto anno su anno. In ribasso anche il MOL Unicredit (Margine Operativo Lordo) che è stato pari 1,9 miliardi di euro, lo 0,5 per cento in meno rispetto al dato del primo trimestre 2018. 

Per quello che riguarda il patrimonio della banca, al 31 marzo 2019 i crediti verso la clientela di gruppo erano pari a 432,1 miliardi di euro con un aumento del 4,2 per cento anno su anno. In diminuzione sia le esposizioni deteriorate lorde che le esposizioni deteriorate nette alla fine del primo trimestre 2019. Le prime sono calate del 15,7 per cento su base annua mentre le seconde hanno fatto registrare una flessione del 18,8 per cento nel confronto con il primo trimestre 2018. 

In sensibile rafforzamento anche i parametri patrimoniali con il Il CET1 ratio di gruppo che è aumentato di ben 18 bp salendo al 12,25 per cento. I ratio di capitale transitional di Unicredit alla fine del primo trimestre 2019 sono invece stati: il CET1 al 12,25 per cento, il Tier 1 al 13,93 per cento e, per finire, il Total al 16,36 per cento. 

Il prezzo delle azioni Unicredit su Borsa Italiana oggi parte da 11,43 euro. 

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.