Azioni Creval e piano industriale: conviene comprare su Borsa Italiana oggi?

Azioni Creval e piano industriale: conviene comprare su Borsa Italiana oggi?

Il Credito Valtellinese ha comunicato i target del piano industriale 2019-2023: grande spunto per gli investitori

CONDIVIDI

Le azioni del Credito Valtellinese sono da inserire nel lotto di titoli da monitorare su Borsa Italiana oggi 18 giugno. Lo spunto che ha reso interessante il titolo Creval è stato fornito dalla pubblicazione dei dettagli del piano industriale 2019-2023. Per capire se oggi conviene comprare o vendere le azioni Creval è necessario conoscere ed esaminare i dettagli del plan approvato dal consiglio di amministrazione della banca della Valtellina. 

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Il piano induistriale di Creval è basato su due assi portanti. Da un lato c'è il tentativo di rilancio della piattaforma commerciale, con l'obiettivo di procedere ad un rafforzamento del ruolo della banca sul territorio mentre dall'altro ci sono una serie di azioni sul bilancio che hanno come obiettivo quello di arrivare ad un taglio importante dello stock di crediti deteriorati.

Il Credito Valtellinese punta a raggiungere i due target seperando le attività della piattaforma commerciale e il portafoglio di crediti deteriorati. Il portafoglio degli NPL, quantificato in 1,9 miliardi a fine marzo 2019, verrà fatto affluire in una divisione no core. 

Per quello che riguarda i target numerici del piano industriale, la banca valtellinese punta a raggiungere una redditività sostenibile conseguendo un utile netto pari a 93 milioni nel 2021 e a 138 milioni nel 2023. Il ROE del Credito Valtellinese nel 2021 è atteso al 6 per cento mentre nel 2023 dovrebbe collocarsi all'8 per cento.

Notizia molto importante per gli azionisti e per gli investitori è quella che riguarda la cedola. Dopo da anni di digiuno, dovrebbe ritornare nel 2021 il dividendo Credito Valtellinese. Il consiglio di amministrazione della banca ha stabilito un payout ratio di oltre il 50 per cento.

Nel piano indistriale del Creval c'è poi molto spazio per le politiche attive finalizzate alla riduzione dei crediti deteriorati. Il CdA della banca punta ad un taglio dello stock di crediti deteriorati a circa 1,1 miliardi di euro al 2023. Una sforbiciata di questa portata sugli NPL coinciderebbe con un taglio del 45 per cento rispetto al 2018. La riduzione dei crediti deteriorati verrebbe conseguita attraverso una serie di cessioni ma anche mediante attività di work-out e rafforzamento dei processi di svalutazione.

Per quello che riguarda il patrimonio l'obiettivo di Creval è quello di riuscire a mantenere una robusta posizione di capitale con un CET 1 ratio fully loaded pari ad oltre il 14 per cento sia al 2021 che al 2023.

Tutti i target del piano industriale Credito Valtellinese saranno oggi oggetto di giudizio da parte del mercato. Il prezzo delle azioni Creval su Borsa Italiana oggi parte da 0,0572 euro. Nel corso dell'ultim mese la performance del Credito Valtellinese è stata negativa per il 14,65 per cento. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro