Molto spunti interessanti per gli azionisti Intesa Sanpaolo e, più in generale, per chiunque abbia azioni Intesa Sanpaolo nel suo portafoglio di investimento. Il consiglio di amministrazione della banca, infatti, nell’ambito dell’approvazione dei conti preliminari relativi all’esercizio 2021, ha fissato ammontare e data di stacco del saldo dividendo 2022, relativo al bilancio 2021. In questo articolo esamineremo tutti i dati di bilancio della banca dando il giusto risalto agli aspetti riguardanti la remunerazione degli azionisti. 

Già prima di scendere nel dettaglio, possiamo anticipare che oggi ci sono buono probabilità che il prezzo delle azioni Intesa Sanpaolo possa essere al centro di un forte dinamismo ispirato proprio dalla reazione del mercato a conti e dividendo. Per sfruttare le possibili oscillazioni di prezzo della quotata, consigliamo di operare con il broker eToro (leggi qui la recensione completa). Questa piattaforma, infatti, non prevede commissioni nel trading sulle azioni e in più la demo per fare pratica è gratis (prendila qui sul sito ufficiale). 

Saldo dividendo Intesa Sanpaolo 2022: ammontare e data di stacco 

Il consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo ha deliberato un saldo del dividendo 2022, relativo all’esercizio 2021, pari a 0,0789 euro per azione ordinaria. L’ammontare complessivo dei dividendi Intesa Sanpaolo sarà pari a 1,53 miliardi di euro. La data di stacco del saldo dividendo è stata fissata per il 23 maggio 2022 con messa in pagamento il 25 maggio. Considerando il prezzo delle azioni Intesa Sanpaolo alla fine della seduta del 3 febbraio 2022, il dividend yield è pari al 2,9 per cento. 

Conti preliminari Intesa Sanpaolo 2021

Intesa Sanpaolo ha chiuso l’esercizio 2021 (dati preliminari) con un utile netto in forte aumento. Il parametro, infatti, si è attestato a 4,19 miliardi di euro, in aumento del 27,7 per cento rispetto ai 3,28 miliardi contabilizzati nell’esercizio 2020. L’aumento dell’utile netto sarebbe stato del 19,4 per cento se si escludono le componenti relative all’acquisizione di UBI Banca.

Scedendo nel conto economico, il risultato della gestione operativa ha registrato un aumento del 5,4 per cento salendo da 9,36 miliardi a 9,87 miliardi di euro mentre il rapporto cost/income ratio nel 2021 è ammontato al 52,5 per cento, valore che si raffronta con il 54,1 per cento dell’esercizio precedente. Ancora al 31 dicembre 2021, i proventi operativi netti della banca guidata da Messina era pari a 20,79 miliardi di euro ed evidenziavano una crescita dell’1,9 per cento rispetto ai 20,4 miliardi del 2020. A spingere in avanti questo dato è stato l’aumento delle commissioni nette che sono salite del 9,3 per cento a 9,54 miliardi di euro. 

Lato patrimoniale, al 31 dicembre 2021 il complesso dei crediti deteriorati della banca (somma tra credit in sofferenza, inadempienze probabili e scaduti/sconfinanti) aveva segnato un calo a 7,08 miliardi di euro, in diminuzione di ben il 34,1 per cento rispetto ai 10,74 miliardi del 31 dicembre 2020. Questo è un risultato molto importante che dovrebbe essere tenuto in considerazione nella definizione delle strategie trading da adottare oggi sulle azioni Intesa Sanpaolo. Fondamentale, comunque, è usare strumenti avanzati per investire come ad esempio quelli proposti dal broker eToro. Chi volesse investire in azioni Intesa Sanpoalo con eToro dovrebbe tenere in considerazione che il deposito minimo richiesto da questo broker è bassissimo: appena 50 euro!

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare trading online>>>è gratis

BuyBack Intesa Sanpaolo: la proposta del CdA

Il consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo ha proposto il lancio di un piano di acquisto di azioni proprie da avviarsi nel corso dell’anno corrente per un controvalore pari a 3,4 miliardi di euro. Modalità e tempistiche del buy back verranno rese note nei termini di legge. Considerando la somma tra ammontare del piano di acquisto di azioni proprie e dividendi (saldo), il ritorno complessivo per gli azionisti della banca sarà pari a 4,9 miliardi di euro. 

Intesa Sanpaolo outlook 2022

Oltre ad aver approvato i conti dell’esercizio 2021, il CdA di Intesa Sanpaolo ha anche fornito delle indicazioni sull’esercizio 2022. Stando alle stime, l’utile netto di fine anno dovrebbe attestarsi sopra i 5 miliardi di euro. Il management ritiene inoltre possibile una significativa crescita dei ricavi e un aumento del risultato della gestione operativa. 

Insomma non solo i conti 2021 di Intesa Sanpaolo sono buoni ma a anche le prospettive non sono da meno. 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.