Prezzo oro: attacco a 1300 USD oncia respinto ma previsioni sono positive

Prezzo oro: attacco a 1300 USD oncia respinto ma previsioni sono positive
© Shutterstock

Il tentativo della quotazione oro di portarsi a 1300 dollari l'oncia viene respinto ma potrebbe essere solo una questione di tempo

CONDIVIDI

Nel "monotono" mercato delle materie prime, l'oro conferma di essere uno degli asset più interessanti. Nella giornata di ieri la quotazione oro si è avvicinata ad un passo da quota 1300 dollari l'oncia per poi essere respinta su valori poco superiori a quota 1290 dollari l'oncia. L'andamento in tempo reale della quotazione oro (dati al 15 gennaio 2019) sembra confermare la tendenza in atto. Mentre è in corso la scrittura del post, il prezzo dell'oro registra un ribasso frazionale dello 0,06 per cento a quota 1290,80 dollari con un massimo intraday che è stato raggiunto a quota 1292,65 dollari attorno alle 3 ora italiana. 

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Il fatto che il prezzo dell'oro si sia ripetuamente avvicinanto a quota 1300 dollari l'oncia è significativo di un aspetto molto particolare: dal punto di vista psicologico la quotazioen dell'oro è pronta a toccare questa soglia molto importante. Potrebbe quindi davvero essere questione di poco tempo per vedere il prezzo dell'oro a 1300 dollari l'oncia. Trader avvisato...

I fattori che potrebbero sostenere il definitivo rally dell'oro sono più di uno e, appunto per questo motivo, non è un azzardo pensare ad unos fondamento della soglia psicologica dei 1300 dollari l'oncia. Il primo fattore a supporto del rialzo della quoazione dell'oro riguarda i timori sul rallantamento economico cinese. Gli ultimi dati macro arrivati da Pechino hanno confermato il sospetto che l'economia cinese possa presto andare incontro ad una fase di rallentamento rispetto agli alti margini di crescita degli scorsi anni. In particolare i recenti market mover della Cina hanno messo in evidenza un ribasso delle esportazioni e delle importazioni nel mese di dicembre. 

Il secondo fattore che potrebbe essere da sostegno all'andamento della quotazione dell'oro riguarda l'Eurozona. Il calo della produzione industriale dell'area Euro potrebbe determinare una corsa degli investitori verso i cosiddetti beni rifugio. A trarre beneficio da questa corsa potrebbero essere sia l'oro (il bene rifugio per eccellenza) che, sul Forex, lo Yen giapponese. 

L'oro rappresenta una sorta di eccezione (assieme all'argento) in un contesto generale che vede i metalli in ribasso. Appena ieri, infatti, sia il rame che il platino avevano registrato dei ribassi attorno al punto percentuale e mezzo. In generale attendismo sembra essere la parola d'ordine che domina sul comparto metalli. L'oro riesce ad essere il solo asset a brullare in questo contesto di attesa. 

Per investire e guadagnare grazie all'andamento dell'oro si ricorda che possono essere usati gli strumenti derivati come ad esempio il trading di CFD. 

Per conoscere le previsioni settimanali sull'andamento del prezzo dell'oro: Analisi tecnica oro e petrolio: previsioni prezzi e strategia trading settimana 14-18 gennaio

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
+