Inflazione e vaccini condizioneranno i mercati la prossima settimana

L’inflazione e le aspettative di inflazione saranno probabilmente alcuni dei market mover più importanti della prossima settimana. Per questa, intanto, si può ben rammentare come gli analisti siano andati incontro a un calo delle aspettative d’inflazione negli Stati Uniti e con questo, anche a un calo dei rendimenti obbligazionari che ha messo sotto pressione il dollaro.

Che cosa accadrà all’inflazione USA?

I funzionari della Fed hanno espresso la loro scarsa preoccupazione per l’inflazione, affermando non solo che non pensano che stia per accelerare, ma addirittura che vorrebbero che lo facesse (per lo meno, entro certi livelli). E il governatore della Fed Brainard ha ricordato che la forward guidance della Fed “è basata sui risultati, non sulle prospettive. Dovremo effettivamente vederlo nei dati”.

Il presidente della Fed di St. Louis, Bullard, ha dichiarato che ritiene di vedere l’inflazione al 2,5% entro fine anno, ma sono molti gli esponenti della Fed che ritengono che questo obiettivo sia raggiunto molto prima, pur nell’evidenza che l’inflazione viene calcolata confrontando il dato presente con quanto avveniva un anno fa, in un contesto pandemico di forte calo dei prezzi. Se prendiamo solo gli ultimi tre mesi di variazione dei prezzi e li estrapoliamo in avanti, vediamo dunque che i prezzi stanno aumentando ad un ritmo molto più veloce – +4,4% a/a – e sulle previsioni del mercato per marzo balzerebbero ad un incredibile 6,1% a/a.

Questa impennata dell’inflazione apparente preoccuperà comunque la Fed? Brainard ha spiegato che “ci sono alcuni fattori unici quest’anno che potrebbero spingere l’inflazione sopra il 2%“, ma ha anche aggiunto che sono solo “pressioni transitorie associate alla riapertura“. “È più probabile che le dinamiche radicate dell’inflazione che abbiamo visto per ben oltre un decennio prendano il sopravvento piuttosto che ci sia un’impennata sostenuta dell’inflazione per un periodo persistente“, ha quindi dichiarato.

La campagna vaccinale

Anche il dibattito sul vaccino di AstraZeneca sarà probabilmente una questione importante per i mercati finanziari. La decisione della Gran Bretagna di raccomandare alle persone sotto i 30 anni un vaccino diverso ha messo in discussione la promessa del Paese di somministrare a tutti la prima dose del vaccino entro la fine di luglio. Questo ha alimentato pressioni di vendita sulla sterlina, con un duro colpo sul cambio EUR/GBP.

Eventuali nuovi problemi sulla somministrazione di AstraZeneca rappresenterebbero tuttavia un effetto pregiudizievole soprattutto per l’Unione Europea, che è molto più indietro con la campagna vaccinale.

Con l’occasione, ti ricordiamo che se desideri investire sui principali cambi valutari come quello euro dollaro o euro sterlina, puoi farlo usando i migliori broker in circolazione, in modo semplice e conveniente.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.