Facebook e Twitter sotto accusa: questa volta la “colpa” è dei tifosi inglesi

Facebook e Twitter sono finiti nuovamente sotto l’occhio del ciclone con l’accusa di non aver agito abbastanza velocemente per affrontare una serie di abusi razziali diretti ad alcuni giocatori di calcio della nazionale inglese.

Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka sono infatti stati il bersaglio di una lunga serie di commenti a sfondo razzista sulle principali piattaforme di social media, dopo che l’Inghilterra ha perso la finale degli Europei. I tre giocatori hanno fallito i rigori contro l’Italia e, a quanto pare, ciò è stato sufficiente per scatenare un’ondata di odio nei loro confronti.

La Football Association inglese ha condannato tale atteggiamento in una dichiarazione diramata la stessa sera della finale, dichiarandosi “sconvolta dal razzismo che è stato rivolto ad alcuni dei nostri giocatori dell’Inghilterra sui social media (…) Non potremmo essere più chiari, affermando che chiunque sia dietro tale comportamento disgustoso, non è il benvenuto nel seguire la squadra (…) Faremo tutto il possibile per sostenere i giocatori colpiti e sollecitiamo le punizioni più dure possibili per chiunque sia responsabile”.

L’incidente ha evidenziato la quantità di abusi online sui social network, e ha sollevato questioni se i giganti della tecnologia stiano effettivamente facendo abbastanza per contrastare tale fenomeno. Diverse squadre sportive e atleti britannici hanno boicottato Facebook, Instagram e Twitter durante un fine settimana di aprile per protestare contro la mancata rimozione di post razzisti e sessisti.

Un portavoce di Twitter ha intanto reso noto che “l’abominevole abuso razzista diretto ai giocatori dell’Inghilterra ieri sera non ha assolutamente posto su Twitter (…) Nelle ultime 24 ore, attraverso una combinazione di automazione basata sull’apprendimento automatico e revisione umana, abbiamo rapidamente rimosso oltre 1000 tweet e sospeso in modo permanente un certo numero di account per aver violato le nostre regole – la maggior parte dei quali abbiamo rilevato noi stessi in modo proattivo utilizzando la tecnologia”.

Anche Facebook, attraverso un portavoce, dichiara di essersi mossa rapidamente per abbattere l’abuso razziale rivolto ai giocatori dell’Inghilterra sulla sua app di condivisione di foto Instagram. “Nessuno dovrebbe sperimentare l’abuso razzista ovunque, e noi non lo vogliamo su Instagram“, ha detto il portavoce. “Abbiamo rapidamente rimosso i commenti e gli account che dirigono l’abuso verso i calciatori dell’Inghilterra ieri sera e continueremo a prendere provvedimenti contro coloro che violano le nostre regole”.

Il governo britannico sta puntando a indurre le grandi aziende tecnologiche ad agire con maggiore incisività contro la proliferazione di contenuti dannosi. La proposta di legge Online Safety Bill darebbe a Ofcom il potere di multare le aziende fino a 18 milioni di sterline, o il 10% delle loro entrate annuali globali in caso di violazioni.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.