Prezzo petrolio: a quanto salirà in caso di bando UE al petrolio russo? Le previsioni

Torniamo a parlare di prezzo del petrolio (qui il grafico in tempo reale) e lo facciamo perchè da alcuni giorni il tema del possibile blocco europeo al petrolio russo è tornato di attualità. La domanda che solleviamo in questo post è molto semplice: dando per scontato che in caso di stop al petrolio russo le quotazioni del greggio salirebbero subito (non è necessario essere degli esperti di trading per comprendere questo rapporto di causa/effetto), fino a dove si potrebbero spingere i valori dell’oil? 

Per rispondere a questo interrogativo è essenziale avere un quadro complessivo del mercato del petrolio e quindi non limitare l’analisi solo all’importazione di greggio dalla Russia. Ebbene, allo stato attuale dei fatti, il più grande giacimento di petrolio libico è chiuso per questioni politiche mentre la Cina ha ridotto tantissimo la produzione nelle sue raffinerie. 

In questo contesto, il prezzo del petrolio resta alto a dimostrazione di come il mercato sia più preoccupato per il possibile drastico dell’offerta russa che per i problemi di approvviggionamento di Pechino. Questa tendenza è destinata restare immutata nel medio termine favorendo una pressione rialzista sul prezzo del greggio. Sul lungo periodo, invece, non è da escludere che ad avere la meglio possano essere i problemi della domanda cinese e ciò potrebbe portare ad un ribasso delle quotazioni petrolifere. 

Restando concentrati sul breve e medio termine, gli analisti di JP Morgan ritengono che, in caso di stop dell’UE al petrolio russo, il valore del greggio possa schizzare anche a 185 dollari al barile, nettamente sopra le quotazioni attuali. 

Uno scenario preoccupante eppure fino a 165 dollari al barile la domanda dovrebbe essere impattata a livello globale e ciò coprirebbe le perdite dell’export russo. In ogni caso, i paesi sviluppati hanno la capacità per resistere ad aumenti di prezzo compresi tra 200 e 220 dollari al barile. 

A prescindere da queste considerazioni, lato operativo, un rally così forte del prezzo del petrolio significherebbe grandi occasioni per i traders che sono soliti speculare sul prezzo del greggio. Questi ultimi oggi possono operare a condizioni estremamente vantaggiose con il broker XTB (qui il sito ufficiale). Questa piattaforma offre tantissimi strumenti di analisi e consente di fare CFD Trading sul petrolio con spead molto bassi (a partire da 0.03 sull’oil).

Prova il trading CFD sul petrolio con una DEMO GRATUITA su XTB.IT >>>

Non solo petrolio russo, il problema del gas

Molti paesi europei dipendono dalla Russia non tanto per il petrolio quanto per il gas naturale. Senza andare troppo lontano, un esempio in tal senso è rappresentato dall’Italia. Nel corso del 2021, il nostro paese ha importato dalla Russia qualcosa come 29 miliardi di metri cubi di gas naturale. Per ridurre la dipendenza da Mosca, l’Italia ha raggiunto un accordo con l’Algeria (grazie all’intesa sarà Algeri il principale fornitore di gas) e con il Congo (ci vorrà un bel pò di tempo per vedere i frutti di questo secondo accordo). 

Attualmente, però, è il gas importato dagli Usa a garantire copertura al Vecchio Continente. Secondo Walid Koudmani, Chief Market Analyst di XTB, se l’export di gas dalla Russia dovesse essere bloccato, la domanda di gas americano da parte dell’UE potrebbe salire vertiginosamente. Tutto ciò avrebbe un impatto sui prezzi. 

Secondo Marco Casario, macrotrader e macroinvestor, sono i numeri a dare la dimensione della particolarità del momento. Il settore energetico nel 2021 ha messo a segno una performance positiva di oltre il 46 per cento. Ad inizio 2022 siamo già su un +41,5 per cento. Ebbene, ha concluso l’esperto, se si tengono in considerazione i tantissimi elementi che hanno concorso a questo rally, si può evidenziare la presenza di una bull run molto forte scaturita proprio da un mix da fattori tutti rialzisti. 

Come investire su petrolio e gas naturale con il broker XTB

Nel paragrafo abbiamo fatto riferimento al broker XTB come uno dei migliori per fare trading sul petrolio e sul gas naturale attraverso i Contratti per Differenza. Per usare la piattaforma XTB è sufficiente registrarsi inserendo pochi dati personali. Uno dei vantaggi di questo broker è la possibilità di usare il conto demo gratuito per imparare a operare senza correre il rischio di perdere soldi veri. 

Sia nel caso in cui tu sia un trader alle prime armi che nel caso in cui tu sia un investitore esperto, potrai usare la pluripremiata piattaforma xStation5 che presenta ben tre punti di forza: 

  • commenti di mercato in tempo reale
  • statistiche sul rendimento live
  • il pacchetto di grafici più completo in circolazione

Sei pronto a fare trading CFD su petrolio e gas naturale con XTB?

>>>Clicca su questo link per aprire una demo gratuita con XTB e buon trading

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.