Esperio: Non tutti i giganti dell’energia beneficiano dei prezzi lievitati

prezzo petrolio

L’industria energetica è diventata l’unico settore in crescita nel mercato azionario tra gli 11 componenti principali dell’indice S&P 500 dopo che i futures sul petrolio Brent di dicembre sono saliti alle stelle a $95 al barile con un balzo di quasi il 10% durante i primi cinque giorni lavorativi di questo mese.

All’impennata dei prezzi del carburante, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei suoi alleati (OPEC+) guidati in modo informale da Arabia Saudita e Russia, ha risposto ufficialmente con il più grande taglio delle quote di approvvigionamento, circa due milioni di barili al giorno (bpd) dall’inizio della pandemia nel 2020. In combinazione con le recenti decisioni dell’UE sui massimali di prezzo per il trasporto marittimo dei prodotti petroliferi russi, che sarebbe anche considerato un embargo parziale, l’intera situazione è destinata a ridurre il lato dell’offerta, il che automaticamente esercita una pressione ancora maggiore sui costi del carburante.

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz Bin Salman, ha giustificato l’attuale soluzione dell’OPEC+ appuntandola su fatti ben noti come il rallentamento dell’economia mondiale sullo sfondo delle decisioni delle banche centrali di aumentare drasticamente i tassi di interesse, affermando anche che queste decisioni sono arrivate troppo tardi per affrontare le tempeste inflazionistiche. Il leader saudita ha affermato che i tagli reali sarebbero da 1 milione a 1,1 milioni di barili al giorno perché si è già verificata una sottoproduzione poiché l’Occidente ha applicato sanzioni a Russia, Venezuela e Iran e problemi temporanei di produzione in paesi africani come Angola e Nigeria, tanto che la produzione totale fornita dall’OPEC+ è scesa di quasi 3,6 milioni di barili al giorno rispetto alle quote target fissate ad agosto. Goldman Sachs ha condiviso la sua stima di 0,4-0,6 milioni di bpd per i tagli effettivi, che sarebbero forniti principalmente da Arabia Saudita, Iraq, Emirati Arabi Uniti e Kuwait, secondo una nota dei clienti.

Gli analisti di Esperio ritengono che tali calcoli possano solo attenuare leggermente l’impatto dei tagli poiché il contesto degli investimenti rimane sostanzialmente negativo per le imprese manifatturiere. Non tutti i giganti dell’energia stanno beneficiando dei tagli. Le azioni Shell sono scese del 4,35% il giorno successivo alla notizia dell’OPEC+, poiché il produttore britannico ha riferito che il suo profitto nel terzo trimestre sarebbe stato messo sotto pressione dal dimezzamento dei margini di raffinazione del petrolio, scesi a $15 contro $28 al barile in media nel secondo trimestre. La caduta dei margini di raffinazione taglierà da $1 miliardo a $1,4 miliardi degli utili al netto di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA), ha affermato Shell. La generazione di cassa totale sarebbe influenzata da un deflusso di 2,5 miliardi di dollari di capitali a causa della riduzione dei prezzi del carburante durante i mesi estivi. Secondo i dati Refinitiv, le previsioni medie degli analisti prevedono che Shell ottenga guadagni di $10,5 miliardi per il terzo trimestre, rispetto a $11,5 miliardi per il secondo trimestre.

Allo stesso tempo, i rivali statunitensi di Shell, tra cui ExxonMobil e Chevron, si sentono molto meglio. Le azioni di quest’ultimo sono aumentate del 12,3% nell’ultima settimana, compreso l’1,82% giovedì scorso dopo che la società ha segnalato utili operativi del terzo trimestre molto convincenti grazie ai suoi guadagni molto più elevati dal gas naturale. I CEO di ExxonMobil hanno promesso di fornire le cifre finali del terzo trimestre molto vicine ai record di profitto del secondo trimestre di circa $17,9 miliardi. Complessivamente, i profitti operativi potrebbero raggiungere $17,8 miliardi rispetto a $14,68 miliardi di consenso.

Gli analisti di JPMorgan affermano di “sottovalutare l’impatto dell’aumento dei prezzi del gas e di continuare a rafforzare i margini di raffinazione“, che “portano risultati solidi”. Hanno rivisto le stime degli utili per azione del terzo trimestre da $3,08 a $3,87 “citando la “trasformazione unica del business” e il “miglioramento dei rendimenti del capitale” e vedendo un ulteriore “potenziale di rialzo di oltre il 20%” nelle azioni ExxonMobil. Tutto questo a favore di un orizzonte di investimento insolitamente luminoso, anche se i prezzi della ExxonMobil sono già aumentati di quasi il 17% nell’ultima settimana, toccando per la seconda volta quest’anno livelli stratosferici ben al di sopra di $100 per azione.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio 

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana Oggi in Tempo Reale - Wall Street

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.