Investimenti italiani, oltre un terzo è nel risparmio gestito

risparmio gestito

Il risparmio gestito occupa il 35% di tutti gli investimenti delle famiglie italiane.

CONDIVIDI

Secondo quanto emerge dagli ultimi studi condotti da Bankitalia e collimati nelle Questioni di Economia e Finanza sulla ricchezza delle famiglie italiane, nel corso degli ultimi tre anni i nuclei tricolori sarebbero tornati a investire nei fondi con maggiore incisività, tanto che era dal 2004 che una quota così elevata di ricchezza complessiva non fosse investito nei fondi.

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Nelle sue valutazioni Bankitalia rammenta come a spingere tali dati verso l’alto sia stato il comportamento delle banche, che spesso hanno indotto i risparmiatori su questi prodotti, favorendo di conseguenza le sottoscrizioni.

In aggiunta a quanto sopra, i Quaderni rammentano come l’aggregato di risparmio gestito, che include fondi comuni e strumenti assicurativi e pensionistici, abbia toccato alla fine dello scorso anno il 35% del portafoglio delle famiglie, sorpassando così i valori toccati all’apice del ciclo favorevole della Borsa del 1995–2000.

È ancora lo stesso studio a sottolineare come i fondi comuni, che in Italia sono stati pienamente introdotti nella prima parte degli anni ’80 dello scorso secolo, e dunque in ritardo significativo rispetto a quanto avvenuto in altri Paesi, pesano oggi per il 12% del totale della ricchezza finanziaria delle famiglie, e che avevano raggiunto la massima incidenza sulla ricchezza (18%) alla fine della bolla del mercato azionario del 1995 -2000.

Da quel momento in poi è poi seguita una fase di ridimensionamento, anche in seguito all’applicazione di un trattamento fiscale non particolarmente favorevole. In riferimento specifico agli strumenti previdenziali e assicurativi, pur essendo incrementati con un ritmo annuo medio che risulta essere superiore alla doppia cifra nel periodo 1995 - 2016, i fondi pensione hanno ancora un peso residuale nella ricchezza delle famiglie (sono meno del 4% alla fine del 2017), mentre le polizze assicurative del ramo vita erano pari a circa il 16%. Un altro 4% della ricchezza era invece costituita da fondi per il trattamento di fine rapporto di lavoro (TFR).

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro