Gestioni attive, previsioni positive anche per il 2019 – T. Rowe Price

  1. Rowe Price, asset manager indipendente parte dell’Indice S&P 500 Dividend Aristocrats per aver distribuito un dividendo in crescita per il 33esimo anno consecutivo, ha dichiarato che il 2019 dovrebbe essere un anno particolarmente positivo per le gestioni attive, soprattutto per quelle di qualità.

Donato Savatteri, Country Head Italy di T. Rowe Price, sottolinea che la gestione attive si sono comportate molto bene anche in condizioni di ampia liquidità e bassa volatilità, ovvero dei fattori che sono tipicamente giovano a vantaggio della gestione passiva, a maggiore ragione in un contesto come quello di quest’anno, che è contraddistinto da politiche monetarie meno accomodanti, volatilità più accentuata e maggiore dispersione dei rendimenti. T. Rowe Price al momento si posiziona in cima alle classifiche delle principali società di rating. Giunta nel nostro mercato nel 2015, ha ottenuto un crescente apprezzamento da parte del mercato, conseguendo un posizionamento di qualità nei tre principali canali in cui opera.

Dopo essersi inizialmente concentrata sul consolidamento e sullo sviluppo delle relazioni con gli Investitori Istituzionali e professionali, e aver avviato successivamente accordi con importanti controparti nel canale delle Unit Linked, la società ha poi deciso di entrare con successo nel retail e nel private banking, sottoscrivendo nuove partnership con gruppi di primo piano quali Cordusio SIM, CheBanca! e BPER Banca.

Tornando sul fronte previsionale, Peter Botoucharov, Sovereign Analyst Fixed Income di T. Rowe Price sottolinea come gli USA nel 2019 vedranno un proseguimento nel rialzo dei tassi, mentre il vecchio Continente dovrebbe affrontare il primo anno senza un supporto attivo da parte del quantitative easing della BCE. Inoltre, giocheranno sicuramente un ruolo di rilievo le guerre commerciali (e non solo quelle USA – Cina) e gli sviluppi della Brexit, che continueranno a catalizzare l’attenzione degli operatori.

Elementi, quelli di cui sopra, che favoriranno una maggiore volatilità. In tale contesto globale, conclude l’analista, gli asset dei Mercati Emergenti continueranno ad essere molto attraenti, grazie anche a un dollaro in indebolimento. In particolare, gli osservati speciali per T. Rowe Price saranno Cina, Brasile, Messico e Turchia.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.