Skin ADV

Recessione nel 2019, l’impatto sui mercati finanziari - MFS

trading
© iStockPhoto

MFS non sembra notare elementi concreti di una possibile recessione nel corso del 2019.

Una recessione nel 2019 è probabile? Che effetto avrebbe sui mercati finanziari? Sul tema è apparso un interessante approfondimento da parte di Robert M. Almeida, Portfolio Manager e Global Investment Strategist di MFS, secondo cui i timori di una recessione nel 2019 si sono rafforzati. Ma queste preoccupazioni sono giustificate o sono eccessive?

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26 — Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Ricevi la tua MASTERCARD, puoi accreditare lo stipendio e fare bonifici in 19 valute. Scopri di più sul sito ufficiale >>

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Ricevi la tua MASTERCARD, puoi accreditare lo stipendio e fare bonifici in 19 valute. Scopri di più sul sito ufficiale >>

Secondo l’analista, alcuni parametri di mercato segnalano da tempo un incremento del rischio di recessione. Tra questi, uno dei pericoli più popolari è sicuramente l’appiattimento della curva dei rendimenti statunitense. Sebbene non sia certamente perfetta, la capacità previsionale della curva dei rendimenti è storicamente piuttosto elevata.

Almeida fornisce alcune interessanti letture di quanto sta accadendo. In primo luogo, il portfolio manager ricorda come i ribassi dei mercati e le recessioni tendono spesso a coincidere. Tuttavia, questa coincidenza non è sempre verificata, considerato che solidità o debolezza economica da una parte, e sentiment degli investitori, sono due cose diverse. I due temi si possono vicendevolmente influenzare, ma non sono certamente mancati i periodi storici in cui i ribassi dei mercati dei capitali e le recessioni si sono esclusi a vicenda.

La seconda lettura fornita da Almeida è legata al fatto che la maggior parte dei fattori che tradizionalmente determinano una recessione non è attualmente verificata. Se dunque escludiamo l'indebitamento delle aziende, è difficile individuare degli squilibri sufficientemente validi per poter individuare squilibri e anticamere della recessione.

Altro aspetto che sembra rendere questo ciclo diverso dagli altri è l'ascesa delle piattaforme online, che permettono di produrre di più con meno capitale, alimentando effetti disinflazionistici. L’analista ricorda come il cloud computing – ad esempio – consente alle imprese di interagire con i clienti in modo più conveniente e produttivo, e che i consumi sono sempre più smaterializzati.

Complessivamente, MFS non sembra giustificare apprensioni per una recessione del 2019, ritenendo invece che gli investitori dovrebbero prestare maggiore attenzione a come viene allocato il rischio di portafoglio rispetto al decennio passato.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro