Anima, raccolta netta di gestito negativa a maggio

anima

Il gruppo Anima chiude il mese di maggio con saldo fortemente negativo sul gestito.

CONDIVIDI

Il gruppo Anima ha confermato che la raccolta netta di risparmio gestito per il mese di maggio è stata negativa per 444 milioni di euro, portando così il saldo da inizio anno a – 656 milioni di euro.

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

La società precisa che il dato non tiene conto delle prenotazioni sui nuovi prodotti Unit-linked e Sicav, per circa 200 milioni di euro, che verranno conteggiate nella raccolta di giugno, unitamente ai flussi registrati nell’ulteriore fase di collocamento degli stessi nel corso del mese. Complessivamente, a fine maggio le masse gestite che erano riconducibili all’interno del gruppo Anima erano pari a più di 176 miliardi di euro.

L’amministratore delegato di Anima, Marco Carreri, sottolinea come anche nel corso del mese di maggio i flussi registrati dal proprio gruppo siano rimasti deboli e sotto le proprie aspettative, soprattutto in considerazione dell’accresciuta instabilità e incertezza del contesto internazionale.

Allo stesso tempo – precisa ulteriormente Carreri – va sottolineato come il temporaneo arresto della crescita organica sia in linea con l’andamento dell’industria italiana, insito in un business “ciclico” come quello del gestito.

“Tuttavia, questo non deve far passare in secondo piano il trend di lungo periodo dell’industria che rimane, soprattutto in un paese come l’Italia, caratterizzato da fondamentali molto solidi, come testimoniato dall’ingente stock di ricchezza finanziaria delle famiglie, e da un accresciuto ammontare oggi detenuto in liquidità che riteniamo dovrà trovare forme di allocazione più efficienti” – conclude Carreri.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro