Borsainside.com

Fondi comuni di investimento, nessuna soggettività giuridica propria

investimento

La Cassazione nel 2019 ha confermato che i fondi non sono autonomi rispetto alla Sgr.

Con una recente sentenza la Corte di Cassazione ha confermato il proprio orientamento sui fondi comuni di investimento, affermando che tali strumenti non possono avere soggettività giuridica propria e che, di conseguenza, non possono stare in giudizio in autonomia per tutelare i propri interessi.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Dunque, la legittimazione a stare in giudizio non spetta al singolo fondo, quanto alla società di gestione del risparmio presso la quale è istituita la cassa comune d’investimento.

Soggettività giuridica fondi comuni d’investimento

La questione della soggettività giuridica dei fondi comuni di investimento è sempre stata al centro di un dibattito piuttosto fervente, risolto solo recentemente dalla giurisprudenza di Suprema Corte, mentre le corti territoriali hanno spesso avuto opinioni discordanti.

Il motivo di tale discordanza è ben noto: i fondi comuni di investimento sono infatti strumenti molto particolari, delle casse collettive in cui diversi investitori privati fanno confluire i propri risparmi, che vengono a loro volta gestiti da una società di gestione del risparmio, che li investe in titoli di Stato, in azioni e in obbligazioni, al fine di generare un rendimento.

Gli orientamenti

Ebbene, due sono gli orientamenti principali che negli anni si sono evoluti in questo ambito. Il primo è che i fondi comuni di investimento abbiano effettivamente una soggettività giuridica, ovvero che il fondo sia un soggetto di diritto distinto e autonomo rispetto alla Sgr e ai singoli investitori.

Il secondo orientamento, che ora prevale, è invece che i fondi comuni di investimento non abbiano soggettività giuridica e quindi siano privi di autonomia rispetto alla società di gestione. Dunque, è la società di gestione del risparmio ad avere la titolarità formale di tutti i beni che fanno parte del fondo comune, che gestisce come ne fosse il proprietario, avendo anche la titolarità a stare in giudizio.

Le decisioni della Corte di Cassazione

In tale dibattito la Corte di Cassazione è intervenuta sciogliendo ogni dubbio, e negando la soggettività giuridica dei fondi comuni d’investimento.

La pronuncia n. 12062 del 2019 riprende quanto già noto con la sentenza n. 16605 del 2010, ovvero che la soggettività giuridica del fondo comune deve essere negata perché il fondo non ha una struttura organizzativa idonea che gli consenta di agire senza la Sgr, e che dunque deve essere considerato come un patrimonio separato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS