La crisi economica del 2020 potrebbe forse non essere stata così grave come il Fondo Monetario Internazionale inizialmente aveva stimato, ma una cosa sembra essere certa: la strada da percorrere per poter far garantire all’economia globale una ripresa sarà una “salita difficile”, come chiarito poco fa da Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo.

Ricordiamo che il FMI aveva previsto a giugno una contrazione del 4,9% del PIL globale per il 2020. Tuttavia, l’economia globale ha finito per ottenere risultati migliori delle aspettative del Fondo nel secondo e terzo trimestre, e questo dovrebbe portare ad una piccola revisione al rialzo delle sue previsioni di crescita, in presentazione la prossima settimana.

Per Georgieva, il quadro oggi è “meno disastroso”, tanto che si è stimato che “gli sviluppi nel secondo e terzo trimestre siano stati un po’ migliori del previsto”, grazie a “misure politiche straordinarie”. I governi di tutto il mondo hanno infatti fornito circa 12 mila miliardi di dollari di sostegno fiscale alle famiglie e alle imprese, e le azioni di politica monetaria intraprese dalle banche centrali, senza precedenti, hanno mantenuto attivo il flusso del credito, aiutando milioni di aziende a rimanere in attività.

Ad ogni modo, il FMI ha anche avvertito che qualsiasi performance economica nei prossimi mesi e nei prossimi anni dipenderà inevitabilmente da come si svilupperà la pandemia. La calamità del nuovo coronavirus – ha infatti aggiunto Georgieva – “è tutt’altro che finita”, con una ripresa che “sarà lunga, irregolare, incerta, e incline alle battute d’arresto”.

“Il percorso che ci attende è offuscato da una straordinaria incertezza. Un progresso più rapido delle misure sanitarie, come i vaccini e le terapie, potrebbe accelerare la “salita”. Ma potrebbe anche peggiorare, soprattutto se ci sarà un aumento significativo di gravi epidemie”, ha infine aggiunto il FMI.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.