Borsainside.com

Debito globale in forte crescita, il coronavirus mette a rischio la sostenibilità

debito

L'IFI mette in guardia sui rischi di una eccessiva crescita del debito globale.

La crisi del coronavirus ha spinto i livelli del debito globale a un nuovo massimo di oltre 272 trilioni di dollari nel terzo trimestre, come ricorda l’Institute for International Finance in un recente aggiornamento nel quale ha messo in guardia contro "l'attacco dello tsunami del debito".




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

L'istituto ha detto che il debito globale batterà nuovi record nei prossimi mesi per raggiungere i 277 trilioni di dollari entro la fine dell'anno., con un complessivo rapporto debito/PIL del 365%. Una spinta che giunge dopo che i governi di tutto il mondo hanno aumentato il sostegno alle aziende e ai cittadini di fronte a una pandemia globale che ha portato a gravissime ripercussioni sulle attività economiche. Le imprese nel frattempo hanno anche dovuto cercare finanziamenti alternativi, poiché la propria attività si è dovuta fermare, o ha dovuto rallentare, sulla scia dei contagi da Covid-19. Entrambi gli eventi si sono tradotti in un aumento dei prestiti e, quindi, in un maggiore indebitamento.

"Spinto da un forte aumento dei prestiti governativi e societari, mentre la pandemia di Covid-19 si aggrava, il carico del debito globale è aumentato di 15 trilioni di dollari nei primi tre trimestri del 2020 e ora supera i 272 trilioni di dollari", ha detto la IIF nel suo ultimo Global Debt Monitor. Tra le nazioni avanzate, il debito ha superato il 432% del PIL nel terzo trimestre – con un aumento di 50 punti percentuali dal 2019. Gli Stati Uniti, che hanno attuato uno dei più grandi pacchetti di stimolo al mondo, hanno rappresentato quasi la metà di questo aumento.

Nell'area dell'euro, l'azione dei governi nazionali ha portato ad un aumento del debito pubblico di 1,5 trilioni di dollari nello stesso periodo, per raggiungere i 53 trilioni di dollari. Si tratta di un valore ancora inferiore ai 55 trilioni di dollari di tutti i tempi registrati nella regione nel secondo trimestre del 2014, quando la regione stava affrontando la crisi del debito sovrano.

Nei mercati emergenti, i livelli di debito sono saliti a oltre il 248% del PIL, con Libano, Cina, Malesia e Turchia che hanno registrato i maggiori aumenti del debito non finanziario.

Tuttavia, la pandemia di coronavirus non è l'unico fattore da biasimare per il livello massiccio del debito globale. "Il ritmo dell'accumulazione del debito globale è stato senza precedenti dal 2016, aumentando di oltre 52 trilioni di dollari", ha detto il FII. "Sebbene circa 15 trilioni di dollari di questo aumento sono stati registrati nel 2020 in mezzo alla pandemia di Covid-19, l'accumulo del debito negli ultimi quattro anni ha superato di gran lunga l'aumento di 6 trilioni di dollari nei quattro anni precedenti".

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS