Private banking, anche nella pandemia l’industria cresce in modo dinamico

aipb

Nonostante le difficoltà della pandemia, l'industria del private banking è cresciuta del 5% nel 2020

Il private banking italiano continua a crescere, e lo fa anche nell’anno della crisi. Secondo i dati formulati dall’AIPB, l’Associazione Italiana Private Banking, al 31 dicembre 2020 le masse gestite erano pari a 932 miliardi di euro, mentre la raccolta netta era di 36 miliardi di euro, in incremento del 5,1% rispetto all’anno precedente e, in questo modo, segnando un nuovo record storico.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Stando a quanto forniscono ulteriormente i dati dell’AIPB, la quota di ricchezza delle famiglie benestanti (ovvero, quelle che per il database hanno una ricchezza finanziaria investibile superiore a 500.000 euro) servita dal private banking, è cresciuta costantemente arrivando nel 2020 al 63% (si attestava invece intorno al 60% tra il 2016 e il 2018).

Ancora, negli ultimi 5 anni il valore della ricchezza finanziaria affidata dalle famiglie benestanti al private banking ha mostrato un tasso di incremento medio annuo del 4,4%, ovvero il doppio del tasso di crescita delle famiglie che non si sono rivolti agli operatori private per la gestione dei propri investimenti (2%).

Passando poi ad un ulteriore dettaglio, sul fronte dei prodotti di risparmio gestito gli operatori del private banking hanno generato volumi di raccolta netta positivi pari a 7 miliardi di euro, contro una prestazione negativa per 3 miliardi di euro per gli altri operatori. Anche sulla raccolta amministrativa il private banking presenta volumi positivi di raccolta netta, pari a 8 miliardi di euro, con prevalenza per gli strumenti azionari, ma con un buon contributo anche per i titoli di Stato. Gli altri canali hanno invece registrato una flessione di 14 miliardi di euro per gli strumenti amministrati.

E per il 2021? Le previsioni affermano che il settore dovrebbe crescere di un altro 5%, raggiungendo i 978 miliardi di euro di masse in gestione entro fine anno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS