Toyota potrebbe vedere l’utile ridotto del 20% a causa dell’aumento dei costi dei materiali

Toyota Motor ha avvertito gli investitori che gli aumenti “senza precedenti” dei costi dei materiali e della logistica potrebbero tagliare il profitto annuale della società fino al 20%.

La casa automobilistica giapponese ha detto di attendersi che i costi dei materiali siano più che raddoppiati a 1,45 trilioni di yen, o circa 11,1 miliardi di dollari, nel suo anno fiscale iniziato in aprile. Ha anche detto che prevede di compensare circa 300 miliardi di yen, circa 2,3 miliardi di dollari, di questi aumenti annuali attraverso “sforzi di riduzione dei costi“.

L’industria automobilistica globale ha combattuto problemi di catena di approvvigionamento per circa un anno e mezzo. Una carenza globale di chip semiconduttori ha sporadicamente chiuso le fabbriche e causato riduzioni significative dei volumi dei veicoli.

Toyota è stata in grado di superare la carenza di forniture meglio di altre case automobilistiche durante i primi giorni della carenza di chip, ma l’inflazione più alta, l’aumento dei costi e gli ulteriori problemi della catena di approvvigionamento si sono sommati aggravando lo scenario.

Anche il Covid-19 continua inoltre ad essere un problema. Toyota ha specificato che avrebbe sospeso le operazioni su 14 linee in 8 fabbriche nazionali per un massimo di sei giorni nel mese di maggio a causa dei lockdown previsti in Cina.

Infine, ricordiamo che Toyota si aspetta che il suo profitto operativo diminuisca a 2,40 trilioni di yen (19,7 miliardi di dollari) per l’anno fiscale in corso, dai 3 trilioni di yen (22,9 miliardi di dollari) del suo ultimo anno fiscale che si è concluso a marzo. Ha anche previsto un calo del 20% dell’utile netto a 2,26 miliardi di yen (18,5 miliardi di dollari), nonostante le aspettative di vendite globali record al dettaglio durante quel periodo.

È una situazione davvero senza precedenti“, ha detto il direttore finanziario di Toyota Kenta Kon a proposito dei costi delle materie prime. Kon ha poi specificato che l’azienda sta lavorando internamente e con i suoi fornitori per tagliare i costi il più possibile per evitare di “aumentare semplicemente i prezzi” dei suoi veicoli per i consumatori. Ha detto che questo potrebbe includere l’uso di meno materie prime o il passaggio a parti a basso prezzo.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.