Il boom dei videogiochi è finito? La fine dei lockdown spinge le vendite in calo

I colossi del mondo dei videogiochi hanno iniziato a fare i conti con un calo delle vendite nel secondo trimestre a causa dell’affievolirsi delle spinte iniziali determinate dai lockdown della pandemia Covid.

E così, nei tre mesi conclusi a giugno, Microsoft, Sony e Nintendo hanno registrato risultati deludenti nelle rispettive attività di gaming, con numeri che riflettono una più ampia contrazione della spesa dei consumatori per i videogiochi. Ma perché si è verificata questa flessione?

Secondo NPD, la colpa è di diversi fattori, non ultimo l’allentamento delle restrizioni dovute alla pandemia, che ha portato le persone a rinunciare alle opzioni di intrattenimento domestico a favore di attività all’aperto. Ha però avuto un riflesso decisivo anche la continua carenza di apparecchiature per semiconduttori, in parte utilizzati proprio dall’industria del gaming.

“La crescita del mercato complessivo dei videogiochi ha subito un rallentamento in seguito all’aumento delle opportunità per gli utenti di uscire di casa, dato che le infezioni da Covid-19 si sono attenuate in alcuni mercati chiave“, ha dichiarato Hiroki Totoki, direttore finanziario di Sony, durante la conferenza stampa di presentazione dei risultati dell’azienda.

Nel trimestre terminato a giugno Sony ha registrato un calo delle vendite del 2% rispetto all’anno precedente per la divisione gaming, mentre i profitti operativi sono crollati di quasi il 37%.

Per Microsoft, i ricavi complessivi dei giochi sono scesi del 7% rispetto all’anno precedente. Le vendite delle console Xbox dell’azienda sono diminuite dell’11%, mentre i ricavi dei contenuti e dei servizi di gioco sono scesi del 6%. I cali sarebbero stati “influenzati da una riduzione delle ore di coinvolgimento e della monetizzazione dei contenuti di terze parti e delle prime parti“, ha dichiarato Amy Hood, direttore finanziario di Microsoft, durante la conferenza stampa della scorsa settimana.

Activision Blizzard, l’editore di videogiochi in crisi che sta per essere acquisito da Microsoft, ha registrato un crollo del 70% dell’utile netto e un calo del 29% dei ricavi. Ubisoft, l’azienda che ha realizzato Assassin’s Creed, ha registrato un calo del 10% delle vendite nette. È invece andata in controtendenza Electronic Arts, che ha registrato un aumento del 50% dei profitti e una crescita dei ricavi del 14%.

Come investire online in azioni dei videogiochi

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che desiderano fare trading online in azioni dei videogiochi che il miglior modo è quello di utilizzare una piattaforma professionale in cui tale asset è disponibile, come quella di Avatrade (qui la nostra recensione).

In questo modo potrai:

  • fare trading su un’ampia gamma di asset, azionari e non solo
  • sfruttare una leva fino a 10:1 per le proprie operazioni
  • usare diverse piattaforme di investimento
  • fare trading anche fuori casa o ufficio con le app per iOS e Android
  • copiare i trader più esperti con il trading automatico di Mirror Trader
  • usare un conto demo per esercitarsi e proteggere il capitale
  • approfittare del servizio clienti multilingue durante gli orari di apertura del mercato.

Ricordiamo che l’apertura del conto è facile e gratuita. È sufficiente cliccare sul link sottostante e seguire le poche istruzioni a video. Buon trading!

>>> Clicca qui per aprire un conto di trading gratis sul sito ufficiale Avatrade! <<<

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.